“L’amministrazione Ingrilli fa orecchie da mercante sull’urgenza di predisporre il nuovo “Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo”. Il consigliere comunale di Capo d’Orlando, Renato Mangano, attacca il sindaco Franco Ingrillì, sull’urgenza di predisporre il nuovo PUDM, il Piano di Utilizzo del Demanio Marittimo.

“Su mia sollecitazione – prosegue Mangano – il presidente Fardella aveva convocato la commissione consiliare per consentire al nuovo dirigente l’architetto Lo Cicero di relazionare in merito. Lo Cicero in maniera esaustiva aveva esplicitato tutti i profili tecnici e normativi per la redazione dell’indispensabile strumento di pianificazione urbanistica biosostenibile.

Ribadisco il mio impegno e quello della minoranza consiliare per conciliare le esigenze delle attività economiche con quelle dei cittadini che reclamano la libera fruizione degli arenili. Tutto ciò dovrà tenere conto delle caratteristiche della costa tutelando quelle aree di “rilevanza naturalistica” che non potranno essere intaccate, salvo per interventi di ripristino ambientale e individuando le “spiagge e le scogliere” dove sorgeranno attività balneari e ricreative, fermo restando le porzioni di spiaggia in prossimità della battigia che non possono essere date in concessione. Non trascuriamo poi i solarium e le aree dove collocare i manufatti per i servizi (Wc, depositi, docce, cabine, punti ristoro, etc) anche per i portatori di handicap” – conclude il consigliere comunale.

Leggi anche:  A Capo d'Orlando i disabili rischiano di restare senza spiaggia