Il Ministero dell’Interno ha stanziato oltre 9 milioni di euro per 31 comuni dell’area tirrenica e dei Nebrodi. Serviranno a finanziare progettazioni definitive ed esecutive per 76 interventi, riguardanti la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico.

Tra i comuni che hanno fatto richiesta di maggiori fondi c’è Tortorici con 937 mila euro, mentre Reitano, con 155 mila, è stato già inserito nella prima tranche.

Ecco di seguito i comuni e le loro richieste in totale:

San Salvatore di Fitalia 226 mila,

Ucria 230 mila,

San Marco d’Alunzio 151 mila,

Frazzanò 345 mila,

Raccuja 223 mila,

Montagnareale 259 mila,

Pettineo 169 mila,

Cesarò 233 mila,

Tusa 50 mila,

Floresta 222 mila,

Sant’Angelo di Brolo 200 mila,

Alcara Li Fusi 466 mila,

Santo Stefano di Camastra 403 mila,

Patti 469 mila,

Gioiosa Marea 455 mila,

Capizzi 196 mila,

Capo d’Orlando 540 mila,

Castel di Lucio 163 mila,

Ficarra 581 mila,

Longi 350 mila,

Sant’Agata Militello 323 mila,

Sinagra 270 mila,

Torrenova 279 mila,

Acquedolci 193,

Castell’Umberto 209 mila,

Piraino 300 mila,

San Piero Patti 160 mila,

Librizzi 114 mila,

Mirto 180 mila

Per sapere se questi fondi verranno effettivamente concessi ai comuni, si dovrà attendere il 30 novembre, quando il Ministero dell’Interno pubblicherà la graduatoria.

Leggi anche:  Affidata progettazione degli interventi antierosione nei Comuni dei Nebrodi