“Siamo stati abbandonati da una parte delle istituzioni, non abbiamo notizie ufficiali da parte dell’Unità Speciale di Continuità Assistenziale. Chiamo ma non mi rispondono”. E’ un fiume di rabbia il sindaco di Caronia, Antonino D’Onofrio, raggiunto da noi telefonicamente, in merito alla situazione dell’emergenza Covid 19 nel suo Comune.

Il primo cittadino lamenta ritardi nelle comunicazioni ufficiali. “Dall’USCA di Sant’Agata non mi hanno comunicato nulla. I casi positivi a Caronia sono due, così come comunicato il 12 ottobre, e domani dovrebbero essere rifatti i tamponi a questi due. Tre persone sono invece in isolamento fiduciario perché hanno avuto presunti contatti”. 

“Domenica – prosegue D’Onofrio – sono stati effettuati 5 test rapidi e da notizie non apprese ufficialmente ma direttamente dai cittadini ho saputo che tutti i risultati al tampone rapido sarebbero negativi”.

Il sindaco poi ci racconta di un caso davvero particolare che ha provocato la sua furia. “Il primo caso positivo a Caronia era un cittadino proveniente dalla Germania e residente a Palermo, che aveva effettuato il tampone presso il presidio ospedaliero di Cefalù, e che aveva deciso di effettuare l’isolamento presso il comune di Caronia in contrada Buzza. Dopo l’isolamento al signore è stato effettuato il tampone di riscontro ed è risultato negativo e così ha deciso di tornare in Germania. Io ho saputo tutto questo da voci di paese. E’ normale che il sindaco, l’autorità sanitaria locale del Comune, non sia stato informato?”. 

Leggi anche:  A Cesarò gli attuali positivi al Covid 19 sono sempre meno