Ficarra, installati 10 cartelli Salva Ciclisti


Inaugurati i 10 cartelli installati nel Comune di Ficarra a tutela dei ciclisti e nel segno della sicurezza stradale. Ficarra è il quindicesimo comune ad aver aderito al progetto Salvaciclisti-Dammi 1,5 mt ideato dal Referente di Nebrodi in Azione Demetrio Falcone, con l’obiettivo di tutelare gli utenti deboli della strada e al contempo esortare automobilisti e ciclisti al rispetto del codice della strada, nell’ottica di una sana e pacifica convivenza.

Il progetto rilancia sul territorio dei Nebrodi, nella zona Saracena e della val d’Halaesa, la campagna nazionale di sensibilizzazione Salva Ciclisti promossa dall’ACCPI (Associazione corridori ciclisti professionisti italiani) e dall’associazione Io Rispetto il Ciclista.

La campagna di sensibilizzazione che ha come finalità la tutela dei ciclisti, la diffusione di una cultura sportiva, la valorizzazione del territorio e la promozione di una mobilità sostenibile prevede l’installazione dei cartelli recanti la scritta “Attenzione, strada frequentata da ciclisti” indicando di mantenere una distanza laterale di sicurezza di 1,5 mt (presentato di recente un ddl in Senato).

Il giovane esponente di Azione, membro del Direttivo Regionale del partito di Carlo Calenda, è riuscito a coniugare la passione per lo sport e per la politica avviando un proficuo dialogo con le varie amministrazioni, al fine di coinvolgere il maggior numero di comuni della fascia tirrenica-nebroidea e non solo.

Ringrazio l’amministrazione comunale di Ficarra guidata dal Sindaco Basilio Ridolfo, l’assessore con delega allo Sport Sebastiano Ravì e l’assessora con delega ai servizi sociali Giada Princiotto per la proficua collaborazione”, dichiara Falcone -. Invito pertanto tutti i comuni ad aderire all’iniziativa installando i cartelliLa campagna procede a rilento, ma non si fermerà alla mera installazione dei cartelli; organizzeremo una serie di iniziative collaterali in tema di sicurezza stradale, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e in particolare i giovani” – conclude Falcone.

Dalla stessa categoria