Fondazione Giglio di Cefalù, in rete nuovo Cup per prenotare online


Le prestazioni specialistiche della Fondazione Giglio di Cefalù erogate sia con il servizio sanitario nazionale che in solvenza potranno essere prenotate e pagate direttamente online grazie al nuovo sportello Cup da oggi in rete.

“Sono orgoglioso di questo risultato, che si inserisce nel percorso di digitalizzazione dell’Istituto – ha detto il presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano – e che conferma l’attenzione della nostra Fondazione per i cittadini delle Madonie e dei Nebrodi residenti in un territorio con caratteristiche orografiche che rendono la viabilità difficoltosa”. Il nuovo servizio sarà presentato ai sindaci lunedì 26 alle ore 12.

Lo sportello cup online è accessibile dal sito internet della fondazione Giglio (https://fondazionegiglio.sportelloweb.com/) e consente di prenotare la visita scegliendo data e orario tra le disponibilità offerte dalla struttura. Nella prima schermata dello sportello virtuale si potrà scegliere se prenotare o effettuare il pagamento di una prestazione già in agenda. Viene anche offerta all’utenza un’informativa dettagliata sulle prestazioni prenotabili online e su quelle in cui è necessario il ricorso al cup telefonico o con invio della richiesta su whatsapp.

Il sistema accetta tutte le forme di pagamento virtuale più comuni e rilascia la fattura anche se la visita è stata regolarizzata presso una ricevitoria convenzionata “PagoPA”. Per accedere ai servizi online è richiesta la registrazione.

“E’ un sistema aperto – ha aggiunto Daniela Salvaggio, responsabile dei sistemi informativi del Giglio – che potrà essere ampliato con tutta l’offerta sanitaria della Fondazione Giglio e che implementeremo prossimamente anche con un App dedicata alle prenotazioni”.

In questa prima fase sarà possibile prenotare tutte le visite con priorità “P” (programmabili) e tutta l’offerta sanitaria della solvenza incluse le prestazioni in partnership Gemelli Giglio. Dopo una prima verifica di risposta dell’utenza gradualmente saranno aperte le agende del sistema sanitario con priorità “B” e “D”.

Dalla stessa categoria