L’unico risvolto positivo (forse) di questa tragedia sanitaria, sociale ed economica che ha colpito il mondo è quello di aver riscoperto una parola che sembrava perduta e retaggio di un tempo ormai remoto: la parola solidarietà. Oggi, questo termine è tornato prepotentemente nel discorso pubblico e tutti la pronunciano con intensità non solo per tessere le lodi di coloro i quali si battono in prima fila e perdono la vita per combattere questo virus: medici, infermieri, soccorritori, ecc, ma anche per quanti si spendono giornalmente con iniziative spontanee dagli effetti straordinari che risultano contagiose più di qualsiasi virus.

Come quella organizzata dalla Parrocchia “ Maria SS di Lourdes” di Gliaca di Piraino affidata a Padre Antonio Mancuso, ha portato a termine una raccolta fondi per contribuire alla lotta contro il Coronavirus nel Distretto Sanitario di Patti. Con i fondi raccolti, la Parrocchia ha acquistato e donato al Distretto Sanitario 4 Termoscanner da parete con allarme sonoro, 13 Termoscanner manuali e 22 Saturimetri

I termoscanner  a parete sono stati assegnati, uno alla sede centrale del Distretto di Via  Garibaldi che ospita la Direzione e la Segreteria del Distretto, il Servizio di Igiene Pubblica con gli ambulatori vaccinali, il Servizio Veterinario ed il Servizio di Salute Mentale; gli altri tre termoscanner  sono stati assegnati alle strutture Poliambulatoriali di Patti, Brolo e San Piero Patti.

Queste strutture ricevono molti utenti al giorno e la presenza di termoscanner fissi a parete all’ingresso permette di intercettare,  tramite un fortissimo allarme sonoro,   soggetti con temperatura superiore a 37,5 °C, potenzialmente positivi al Covid-19,bloccandone l’ingresso ed adottando i dovuti provvedimenti. La dotazione di tale presidio ha consentito di liberare personale sanitario che giornalmente veniva sacrificato a sostare all’ingresso per la misurazione manuale  della temperatura delle persone che accedevano, potendo utilizzare detto personale in altre mansioni.

Anche tutte le Guardie Mediche sono state dotate di termoscanner manuali consentendo così di individuare pazienti febbrili ed adottare le dovute precauzioni e provvedimenti. Sei saturimetri sono stati consegnati, tre ciascuno, al PTE di Brolo ed al PTE  di San Piero Patti, 16 saturimetri sono stati consegnati, 4 per ciascuna delle UU.SS.CC.AA. del Distretto di Patti: USCA di Patti ,USCA Patti 2,USCA di Brolo e USCA di Sinagra. Le USCA sono impegnate nella gestione a domicilio dei pazienti affetti da Covid-19.

La disponibilità di più saturimetri consente di monitorare  la saturazione di ossigeno dei numerosi pazienti in carico alle UU.SS.CC.AA . ed in fase di emergenza per i pazienti che ricorrono al PTE; la saturazione di ossigeno è un parametro importante nell’evoluzione dell’infezione  e della compromissione polmonare anche in assenza di sintomi, consentendo di intervenire tempestivamente con il ricovero ospedaliero in caso di valori che scendano oltre soglia, ritenendo, come da Linee Guida, valori sopra il 95% normali, tra il 91% ed il 94% forma lieve, tra l’86% ed il 90% moderata, al di sotto dell’85% situazione grave.

Il gesto di grande solidarietà della Parrocchia “ Maria SS di Lourdes” di Gliaca di Piraino ha ricevuto con una lettera, i ringraziamenti e la gratitudine di tutto il personale operante nelle varie strutture sanitarie del Distretto di Patti. Con i fondi raccolti tra i parrocchiani sono sati donati anche alla Neonatologia del Presidio Ospedaliero “Barone Romeo” di Patti: tre materassini antidecubito, quattro steotoscopi di alta qualità specifici per essere utilizzati in pazienti neonatali.  Con i ringraziamenti della D.ssa Caterina Cacace Direttore della UOC di  Neonatologia e di tutto il suo Staff.