Grave disservizio sui Nebrodi. Un solo autobus, alle 6, per raggiungere la costa e i servizi pubblici. Lo denuncia con un post sulla propria pagina Facebook la Proloco di Galati Mamertino.

“I Monti Nebrodi sono colpiti da un blocco totale dei trasporti pubblici, come nel dopo guerra, bisogna svegliarsi prima del canto del gallo per prendere l’autobus e andare verso il mare. Da sempre la montagna eè declassata e bistrattata per favorire e privilegiare servizi e interessi politici e Economici dei centri marini, creando di fatto disagi e differenze sociali, tutto questo è veramente vergognoso. Sono stati usati soldi dei contribuenti per acquistare bus, navette, treni, biciclette, furgoni e tanto altro per garantire a tutti i cittadini una equità di servizi, ed ora sono stati sospesi i bus della tratta che collega Tortorici a Capo d’Orlando, passando per Naso.

Lo segnaliamo noi cittadini, in difesa dei nostri diritti. Si tratta di un problema molto grave perché obiettivamente non è possibile muoversi alla volta della stazione dei treni o andare al Mare o fare economia territoriale anche per andare a fare la spesa se non sei automunito (ed avere una macchina non deve essere un obbligo) e se non sei in ottima salute. Chiediamo almeno tre corse giornaliere come per tutte le realtà civili e sviluppate”.

Leggi anche:  Nebrodi, danni dei ghiri: animalisti contro la Regione