Bisogna prendere in prestito il titolo di un celeberrimo film di Ettore Scola del 1976 per meglio descrivere la Castelluccese scesa in campo al comunale di Merì: “brutta sporca e cattiva”.

Contro la formazione meriense alla disperata ricerca di punti salvezza, i biancorossi dimostrano di saper soffrire, aspettare e con cinismo colpire nel momento opportuno portando a casa una vittoria che avvicina ulteriormente l’obbiettivo salvezza. È Rotella al 2′ a correre il primo pericolo di giornata: sul calcio piazzato di Cipolla l’estremo difensore avversario con l’aiuto del montante alto è costretto a rifugiarsi in angolo. I padroni di casa, pur giocando una buona gara non riescono, nel primo quarto d’ora, a rendersi davvero pericolosi e al 20′ vanno sotto: Salerno imbuca per Scarpinato che con un chirurgico diagonale di sinistro mette alle spalle di Rotella. La reazione del Merì è immediata e al 24′ Impalà imbeccato da Di Stefano da pochi passi spara alto. Passano pochi minuti e a provarci per i padroni di casa è il pericolosissimo Mastroieni che entra in area dalla destra e di sinistro calcia di poco a lato. Lo stesso 11 giallonero ci prova sul finire del primo tempo ma il suo colpo di testa viene respinto in angolo da Bologna; sul corner successivo è Scarpinato a sventare la minaccia meriense.

Ad inizio ripresa il Merì va vicinissimo al goal del pari ma la girata di Trimboli deviata in tuffo da Bologna prima finisce sul palo e poi, dopo un batti e ribatti pericolosissimo, si spegne sul fondo. Dopo aver sbandato pericolosamente la Castelluccese riordina le idee e i pericoli nella seconda parte di gara arrivano prevalentemente dalle parti di Rotella. Al 60′ l’occasione per allungare passa dai piedi di Salerno che di destro calcia a lato. L’ allungo riesce al 64′: Milia lascia partire un fendente dal vertice destro dell’area di rigore che sorprende sul primo palo Rotella. Sotto di due reti il Merì si sbilancia ulteriormente e al 72′ è il solito Mastroieni a chiamare in causa Bologna. Nei minuti finali i ripetuti capovolgimenti di fronte rendono la gara particolarmente divertente e la Castelluccese fallisce ripetutamente il tris: all80′ ci prova Salerno ma la sua conclusione viene deviata sul fondo dall’estremo difensore avversario; sugli sviluppi del corner successivo Scarpinato si esibisce in una rovesciata spettacolare mancando per pochi centimetri il bersaglio grosso; lo stesso Scarpinato, al 92′, non sfrutta al meglio lo splendido assist di Grillo e prima calcia addosso a Rotella, sulla respinta conclude a colpo sicuro ma si vede respingere la palla sulla linea di porta da Zanbib e al terzo tentativo calcia a lato. Prima del fischio finale Mastroieni trova il goal che fissa il risultato sull’1 a 2 superando con un preciso sinistro Bologna.

MERÌ: Rotella, Amico (76′ Caliri), Di Stefano, Filistad, Zanbib, Impalà (62′ Nizzari), Maisano (70′ Schifino), Corso (55′ Valenti), Trimbolo, Dell’Oro (76′ Villari), Mastroieni; Giunta, Serraino, Fiumara.

CASTELLUCCESE: Bologna, Allò, Viglianti A. (89′ Platia), Cipolla, Gatto, Di Giovanni, Salerno, Solaro (73′ Grillo), Milia, Rinaldi, Scarpinato; Franco, Cannizzaro, Di Francesca, Nicolosi, Tita, Viglianti G.