Nel 2016 sono stati acquistati due Tomografi a Risonanza Magnetica dall’Asp di Messina, destinati agli ospedali di Sant’Agata di Militello e Patti, che però non sono mai entrati in funzione. La spesa complessiva per l’acquisto dei due macchinari, che sono stati installati e collaudati nel 2018 e 2019, è stata di 991mila euro.

Il deputato regionale di Italia Viva e sindaco di Brolo Giuseppe Laccoto ha chiesto, attraverso un’interrogazione all’ARS, l’intervento del presidente della Regione, Nello Musumeci e dell’assessore Ruggero Razza per garantire ad un comprensorio di oltre 200mila utenti di usufruire di un importante servizio.

“Una situazione grottesca, assurda e paradossale – ha commentato Laccoto -. Basti pensare che in una delle strutture ospedaliere manca solo l’arredo per consentire la piena funzionalità della Risonanza, mentre ambedue i nosocomi hanno in organico il personale specializzato da impiegare. Ho presentato una interrogazione parlamentare per chiedere all’Assessore Razza di intervenire presso il direttore generale dell’Asp di Messina per la messa in funzione delle due Risonanze. La mancata attivazione di questi strumenti rappresenta uno spreco di denaro pubblico, penalizza la qualità dei servizi ospedalieri e causa notevoli disagi ai cittadini costretti a rivolgersi a strutture lontane con liste d’attesa che diventano sempre più lunghe.
E’ l’ennesima prova di cattiva gestione dell’Asp di Messina”.

Leggi anche:  Patti, si progetta la messa in sicurezza della frazione Case Nuove Russo