Ottimo piazzamento, due volte sul secondo gradino del podio, per il presidente dell’associazione Asd “Amatori Sant’Agata“, Vincenzo Amata, atleta di fama ipovedente, già campione paralimpico e reduce da due vittorie a Jesolo.

“Sono partito da Sant’Agata – afferma il campione Amata – venerdì mattina molto presto perché dovevo raggiungere Catania per imbarcarci sull’aereo, il volo era alle nove. Dopodiché arrivati a Jesolo ci siamo preparati perché la gara poi sarebbe stata alle 19, in serata. Io e la mia guida – prosegue – Giancarlo La Greca, io essendo un atleta paralimpico sono iscritto con la Polisportiva Ravenusa e lui è il mio presidente.Questa volta mi ha fatto da accompagnatore, è stato la mia guida”.

“Siamo andati bene – spiega il campione -, perché io essendo un ultra maratoneta, per natura mia non riesco a sviluppare tanta velocità, però lui mi ha aiutato e siamo riusciti a fare i secondi, conquistando due medaglia d’argento“. Sono presidente dell’associazione Asd “Amatori Santagata”– conclude Amata- nata circa quattro anni fa, che si autofinanzia da sola con immani sacrifici, per l’amore incondizionato per lo sport sano. Siamo circa 30 a farne parte. Ringrazio l’avvocato Stella Fazio, altra grande atleta di caratura regionale e vincitrice di numerose competizioni, mia sorella Sara Amata che mi sopporta e mi supporta, tutti i componenti dell’associazione, la mia guida Giancarlo La Greca, la città di Sant’Agata e tutti i santagatesi”.

L’Associazione sportiva sarà prossimamente impegnata in altre competizioni, a Roma, come prima volta, in pista l’atleta paralimpico Vincenzo Amata , ha dato prova delle sue grandi doti sportive e umane.

Leggi anche:  Fondazione Mancuso dona un defibrillatore al Città di Sant’Agata

Nella foto la giornalista e avvocato Francesca Alascia e l’atleta Vincenzo Amata