Un defibrillatore (DAE), strumento salvavita, è stato posizionato questa mattina nella teca da esterno messa a disposizione dal Comune, in piazza Umberto I° in corrispondenza del circolo Enal. Il dispositivo, acquistato dall’Unione Comuni dei Nebrodi e di proprietà del Comune di Longi, è stato regolarmente revisionato e omologato.

In caso di necessità, se si vede una persona a terra, è necessario prima di tutto chiamare il 118 che guiderà le operazioni di chi assiste chi sta male. Nel caso specifico anche il defibrillatore “parla”, dà istruzioni per collocare le piastre sul corpo ed è intelligente in modo da intervenire solo nel caso in cui la segnalazione che riceve preveda l’uso del defibrillatore. In caso contrario la scarica non viene attivata.

La teca in cui il dispositivo è inserito è all’esterno e resta aperta proprio per facilitare l’intervento sanitario, qualora ce ne fosse bisogno.

“È importante – scrivono gli amministratori longesi in una nota – che possa essere a disposizione nei luoghi più frequentati e che possa essere utilizzato non solo dagli operatori sanitari ma dal maggior numero di persone in qualsiasi momento. L’invito è rivolto quindi, alla collettività, affinché questi strumenti, che possono salvare la vita di una persona, non vengano danneggiati”.

Leggi anche:  Covid, sindaci dei Nebrodi chiudono scuole fino al 31 gennaio