La Dia di Messina sta eseguendo un decreto di confisca emesso dal Tribunale di Messina – Sezione Misure di Prevenzione, nei confronti del patrimonio dell’imprenditore di Naso, Nunzio Ruggeri, operante nei settori della macellazione e della commercializzazione all’ingrosso di pellame.

Il provvedimento scaturisce da complesse indagini economico-finanziarie coordinate dalla Procura della Repubblica peloritana e culminate nella proposta di applicazione di misura di prevenzione patrimoniale formulata dal Direttore della DIA.

Secondo gli investigatori la caratura criminale di Ruggeri Nunzio, riferibile alla sua lucrosa e continuativa attività usuraria, è desumibile non solo dalla sentenza definitiva di condanna intervenuta nel 2009 per vicende risalenti agli anni 1998/2000, ma anche dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Santo Lenzo, legato alla mafia dei Nebrodi, che lo avrebbe indicato quale soggetto vicino ai vertici della criminalità organizzata “tortoriciana”.

 

Leggi anche:  Cade grosso vetro blindato: tragedia sfiorata al Tribunale di Patti