Nella mattinata odierna, a conclusione di indagini dirette dalla Procura della Repubblica di Patti, i carabinieri della Stazione di Capo d’Orlando, al comando del luogotenente Innocenzo Guarino, hanno arrestato un 34enne, domiciliato a Brolo, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura cautelare personale degli arresti domiciliari spiccata dal Gip del tribunale di Patti.

L’uomo è gravemente indiziato dei reati di maltrattamenti verso conviventi, molestie, violenza sessuale, minacce, ingiurie e violenza privata commessi nei confronti dell’ex convivente. Le indagini svolte dai carabinieri sono state avviate a seguito della denuncia sporta dalla vittima ed hanno permesso di ricostruire e documentare le reiterate condotte poste in essere dall’uomo che, con il suo comportamento, tenuto anche in presenza del figlio minore, attraverso molestie, percosse, violenze e prevaricazioni, avrebbe sottomesso psicologicamente la donna che è stata anche costretta a subire violenza sessuale.

I militari, supportati dalla “task force” specializzata nel contrasto alle violenze di genere costituita presso il Comando Provinciale dei carabinieri di Messina e sotto la guida del Procura di Patti, hanno raccolto i gravi indizi di colpevolezza che hanno consentito l’emissione della misura cautelare. L’uomo è stato, quindi, arrestato e, dopo le formalità di rito, condotto presso il suo domicilio e ristretto in regime di arresti domiciliari.

Leggi anche:  Operazione "Offshore cash", riciclaggio e fatture false: quattro indagati