Il 2 e 3 febbraio Militello Rosmarino celebra il suo Santo Patrono e Protettore San Biagio, (festa che si ripete il 24 e 25 agosto). La celebrazione esalta il senso di identità e l’appartenenza del piccolo paese, e, come tutte le altre tenutesi nel periodo dell’emergenza pandemica, saranno caratterizzate dal rispetto delle prescrizioni antiCovid, quindi non ci sarà alcuna processione con il simulacro per le vie cittadine. I solenni festeggiamenti in onore del patrono San Biagio, prenderanno il via il 2 febbraio con la festa della Candelora.

Ecco cosa prevede il programma religioso:

2 febbraio 2021 festa della Candelora
Ore 11.00 Santa Messa e benedizione delle candele nella chiesa di Santa Maria dello Brignolito con la presenza della statua della Madonna Immacolata.
Ore 15.00 Traslazione dell’Antico Simulacro di San Biagio dalla sua cappella all’Altare Maggiore con la presenza dei soli portatori indispensabili alle operazioni. Il popolo potrà assistere nella piazzetta antistante alla chiesa e, in un secondo momento, avrà facoltà di entrare nell’edificio sacro in maniera contingentata ed assistita dai vigili e dai volontari, senza creare così assembramenti.
ore 17. 00 “Laudi” in onore di San Biagio in chiesa madre.
ore 17:30 Santa Messa in chiesa madre con, a seguire, benedizione sul sagrato con la Rama e il Braccio Reliquiario di San Biagio e accensione simbolica dei cannizzoli nel piazzale antistante alla chiesa.

3 febbraio 2021 solennità di San Biagio
ore 8:30 Santa Messa in chiesa madre. Alla fine della celebrazione il parroco impartirà simbolicamente la benedizione della gola.
Ore 9:30 Santa Messa in chiesa madre. Alla fine della celebrazione il parroco impartirà simbolicamente la benedizione della gola.
ore 11:30 Santa Messa in chiesa madre concelebrata da diversi sacerdoti.
ore 12:30 Benedizione del paese dal sagrato della chiesa madre con la presenza del simulacro di San Biagio. La Statua del Santo Patrono sarà traslata davanti alla porta della Chiesa dai soli portatori incaricati. Il popolo potrà assistere alla funzione religiosa soltanto rispettando scrupolosamente le disposizioni di sicurezza. Al termine della benedizione, l’Effigie del Santo Patrono sarà collocata al centro della Chiesa in maniera tale da consentire la venerazione da parte dei fedeli fino alle ore 19.00.
ore 19.00 Santa Messa di ringraziamento in Chiesa Madre con alla fine, benedizione impartita ai fedeli con il Braccio Reliquiario eri posizione del Simulacro di San Biagio nella sua cappella con le stesse modalità della traslazione di giorno 2 febbraio.