Militello Rosmarino, manca ancora l’acqua: cittadini sempre più esasperati


Ancora disagi a Militello Rosmarino per la penuria d’acqua e continuano le lamentele dei cittadini per i rubinetti delle case ormai a secco da parecchio tempo. Cresce il malcontento della popolazione. Stavolta la segnalazione proviene da contrada Scurzi. Contattati dalla famiglia Rossello, ci siamo recati presso la loro abitazione a Militello Rosmarino e ciò che abbiamo constatato è davvero inammissibile. Ancora, nel 2021, la gente per avere l’acqua nei propri serbatoi deve andare a riempire i bidoni nella fontana più vicina.

“Il sindaco è informato – ci riferiscono i coniugi Rossello -, ha detto di non poter fare nulla per risolvere il problema dell’acqua e non solo, ma Salvatore Riotta mi ha bloccato le chiamate. L’ultima volta che ci ho parlato, la settimana scorsa, mi ha detto di rivolgermi al vice sindaco Antonino Tomasi, cosa che ho fatto, e devo dire che si è impegnato per cercare di tamponare la situazione, mi ha pure detto che mi avrebbe aiutato a riempire i bidoni.”

La signora Lucia, in attesa del suo secondo figlio, ci spiega le difficoltà a cui va incontro: “L’acqua non basta per lavare i piatti, per lavare la biancheria, per fare la doccia, lo dico e non me ne vergogno, è il sindaco che dovrebbe vergognarsi, conoscendo, anche le mie condizioni, tra poco più di un mese partorirò il mio secondo figlio“.

Il signor Rossello, esasperato dal perdurare della criticità, hanno anche dei cagnolini e non risparmia critiche al sindaco Riotta e rammenta quando disse che “Militello sarebbe potuta diventare la piccola Taormina dei Nebrodi”, “addirittura parlò di aprire un ristorante sotto il Monte Scurzi, ebbene, durante la sua sindacatura niente di tutto questo si è realizzato e la contrada versa in condizioni di degrado e di abbandono, siamo abbandonati a noi stessi non abbiamo neanche l’acqua”.

A tal proposito il vicesindaco Antonino Tomasi, contattato da noi telefonicamente, ci ha dichiarato: “Cerco di fare il possibile, per risolvere tale criticità, anche se non è facile. Chiedo solo un po’ di pazienza e mi scuso per i disagi”.

Dalla stessa categoria