Mistretta, insidiata l’autonomia del Manzoni: seduta di Consiglio urgente


Un Consiglio comunale urgente nel quale si è discusso dell’assetto degli Istituti scolastici presenti nel comprensorio per il mantenimento dell’autonomia dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Alessandro Manzoni” di Mistretta, è quello svoltosi nell’odierna mattinata nell’aula consiliare “Vincenzo Antoci” del Comune amastratino.

La seduta era stata programmata in seguito ad una delibera di Giunta municipale approvata dall’esecutivo del Comune di Sant’Agata di Militello, che faceva seguito alle delibere di giunta dei comuni di Santo Stefano di Camastra e di Caronia, in cui si chiedeva l’ istituzione di un Polo Tecnico/ Professionale, costituito dagli Istituti: Tecnico Economico e Tecnologico “G. Tomasi di Lampedusa”di Sant’Agata di Militello, Tecnico Economico ad indirizzo A. F. M. di Tortorici, Tecnico Turistico e Istituto Professionale Enogastronomico e servizi Alberghieri “Arcangelo Florena” di Santo Stefano di Camastra, Tecnico Agrario di Caronia

Numerosi ed appassionati gli interventi dei consiglieri comunali e del Sindaco della città, Sebastiano Sanzarello. Interventi nei quali è stato sottolineato: 

che l’Istituto di Istruzione Superiore “Alessandro Manzoni” non è a rischio dimensionamento, bensì in continua crescita; che la sua articolata e ricca Offerta Formativa costituisce un unicum nell’intera porzione del territorio dei Nebrodi su cui insiste; che non si comprende il senso delle delibere di giunta di Caronia e Santo Stefano di Camastra, a cui si è aggiunta quella del comune di Sant’Agata di Militello, dal momento che il Consiglio di Istituto ed il Collegio dei docenti, formato da un numero consistente di docenti che insegnano nei plessi di Santo Stefano (molti anche residenti) e Caronia, aveva manifestato la volontà, proprio nel mese di Settembre 2022, di mantenere e potenziare l’autonomia dell’Istituzione scolastica; che, inoltre, le delibere delle amministrazioni comunali di Caronia e di Santo Stefano di Camastra risulta ancora più incomprensibile, considerato che l’accorpamento dei tecnici del Manzoni al Tomasi di Lampedusa di Sant’Agata di Militello si limiterebbe soltanto a spostarne il baricentro con la conseguenza, incomprensibile ai più, di depotenziare, con la quasi certa perdita dell’autonomia, una istituzione scolastica del territorio che andrebbe, invece, difesa ad oltranza da tutti gli Enti di riferimento territoriale e che l’accorpamento andrebbe a esclusivo beneficio dell’Istituto Tomasi di Lampedusa che, nel corso degli anni, è passato, da circa 600 alunni a quasi 300.

Tutto questo considerato, il pubblico consesso, presente anche la nuova Dirigente dell’IIS Manzoni di Mistretta, Maria Grazia Antinoro, ribadisce l’intenzione di difendere, contro ogni insidia, l’autonomia di un Istituto che è stato fondato nel 1863 e che da allora ha contribuito alla crescita umana e professionale di intere generazioni di giovani del comprensorio che una scelta sbagliata priverebbe, in maniera assolutamente illegittima, del sacrosanto diritto allo studio.

Alla fine dei lavori il Consiglio, regolato dal presidente Carmelo Nucera, ha deliberato all’unanimità di dare mandato all’Amministrazione comunale e al Presidente del Consiglio di trasmettere quanto deliberato in seduta alle Amministrazioni comunali e ai Presidenti dei consigli del territorio al fine di intraprendere, all’unanimità, iniziative politiche volte alla salvaguardia dell’autonomia scolastica dell’Istituto d’Istruzione superiore “Alessandro Manzoni” di Mistretta.

Dalla stessa categoria