L’Istituto Alessandro Manzoni di Mistretta, l’8 marzo, in occasione della “Giornata Internazionale della Donna” ha incontrato l’Onorevole Barbara Floridia, Senatrice e sottosegretaria all’Istruzione, già Docente dell’antico Liceo.

L’in­con­tro ha rap­pre­sen­ta­to un’im­por­tan­te oc­ca­sio­ne per con­fron­tar­si con gli stu­den­ti ed ha dato an­che l’op­por­tu­ni­tà di riab­brac­cia­re vir­tual­men­te i do­cen­ti del­l’I­sti­tu­to, che l’han­no co­no­sciu­ta ed apprezzata come col­le­ga. Dopo il saluto istituzionale della Dirigente, Virginia Ruggeri, che ha ringraziato la Senatrice per la sollecitudine e la cortesia con la quale ha risposto all’invito…un silenzio carico di emozione ha preceduto l’intervento della prof.ssa Marisa Antoci che, interpretando il sentimento di tutti, ha affermato:

“L’Istituto Manzoni, interamente collegato, ti saluta con gioia, cara Barbara! Hai arricchito il mondo della politica con la Tua preparazione (a noi ben nota), con la Tua solare presenza, il tuo garbo e la Tua educazione, espressione profonda di un equilibrio interiore e di una grande umanità.”

La Senatrice, senza infingimenti, ha ringraziato per l’invito e non ha nascosto l’emozione di ritrovarsi in un luogo a Lei caro. Alla prima, immancabile, domanda, sul ruolo svolto dalle donne in politica la Senatrice ha risposto, con convinzione, sottolineando come le donne nella politica e, in generale, nelle varie organizzazioni sociali, costituiscano un’opportunità e un valore aggiunto, perché sanno programmare, in modo concreto e realistico, il futuro.

Le donne, infatti, riescono a mettere al servizio dei cittadini e della cosa pubblica la loro naturale capacità gestionale. La stessa con cui amministrano, da sempre, le risorse economiche e finanziarie delle proprie famiglie. L’amore verso le nuove generazioni di questa Docente, “prestata” alla politica, è trapelato dalle parole di incoraggiamento nei confronti dei giovani e, anche, dall’attenzione con la quale ha risposto a tutte le domande che le sono state poste. L’incontro si è concluso con un ultimo messaggio da parte della Senatrice ai ragazzi sull’importanza, imprescindibile, dello studio essendo la conoscenza, l’unico vero grande valore da perseguire in ogni stagione della vita.