I Carabinieri del Comando Compagnia di Mistretta, nell’ambito di mirati servizi tesi a contrastare reati predatori a danno del Parco dei Nebrodi, hanno tratto in arresto due soggetti, G.A. di 33 anni e A.L.P. di anni 31, entrambi residenti a Mistretta.

L’arresto, in flagranza di reato, è avvenuto nel bosco in contrada Montepiano, a Mistretta, ricadente nell’area “B” del Parco Regionale dei Nebrodi, dove i due soggetti sono stati sorpresi a tagliare alberi di cerro (Quercus cerris). I militari dell’Arma nella zona contavano ci trenta alberi abbattuti ed i due soggetti indaffarati l’uno a ripulire con una motosega gli alberi dai rami e l’altro a spostarli

I due, ritenuti responsabili del reato di tentato furto pluriaggravato in concorso (con la recidiva specifica per G.A.) al termine delle formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti, dott. Alessandro Lia, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni e la refurtiva e gli arnesi utilizzati posti sotto sequestro. Entrambi assistiti dall’avvocato Antonio Di Francesco, dovranno comparire davanti al Giudice per la convalida dell’arresto e successivo giudizio.

Leggi anche:  Caronia, continuano senza sosta le ricerche di Gioele