Il nuovo Dpcm che prevede nuove misure contro il Covid 19 non piace al presidente della Regione Nello Musumeci. Al governatore, pure condividendo la necessità di misure finalizzate a scongiurare nuovi contagi firmate ieri dal premier Giuseppe Conte, non è andato giù il limite di 30 invitati ai matrimoni definito “un atto d’ingiustizia, un’assurdità”. 

“Non si può – afferma – consentire a due persone di stare su un aereo una accanto all’altra e poi introdurre il limite di 30 invitati nei ricevimenti. La Regione ha deciso di erogare un bonus per incentivare i matrimoni e il governo li vuole scongiurare. Non siamo d’accordo. Anche perché non c’è coerenza col resto del Dpcm”. La stretta sulle feste private mette in allarme un intero settore che organizza matrimoni e catering, ma anche fiorai, animatori e altri lavoratori. Musumeci non è insensibile ai timori di queste categorie e dice: “Abbiamo dato un paio di giorni al governo Conte per poter rimediare”.

Leggi anche:  Comuni in dissesto, Grasso: “Roma non dovrà autorizzare proroga contratti dei precari”