L’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente denuncia l’ennesimo “maldestro tentativo” di dare ai ghiri la colpa della scarsa produzione dei noccioli. Gli animalisti se la prendono con la Regione Sicilia che ha chiesto lo stato di calamità sui Nebrodi.

“Facile dire che la colpa è dei ghiri – si legge in una nota AIDAA – per la scarsa produzione di nocciole, noi pensiamo che la questione sia ben diversa a partire dalla gestione delle superfici utilizzate per questo tipo di agricoltura e la reale entità della produzione degli ultimi dieci anni, per questo – scrive ancora AIDAA – nelle nota abbiamo inviato ad Ispra un accesso agli atti per chiedere la documentazione su cui è stato costruito un parere positivo alla deportazione ed alla ovvia conseguente morte di molti esemplari di questa che ricordiamolo è una razza protetta”.