Il Ministero della Salute ha revocato la somma di € 1.619.092,38, finanziamento originariamente concesso per la costruzione di una R.S.A. (Residenza sanitaria assistenziale) presso il presidio ospedaliero di Mistretta, rimodulando e riassegnando la stessa somma a favore di un nuovo intervento presso il medesimo presidio ospedaliero che vedrebbe la realizzazione di un reparto S.u.a.p. (speciale unità di accoglienza permanente) e Medicina al primo piano dell’ospedale amastratino.

L’Asp di Messina ha già conferito incarico di progettazione e direzione lavori ad una ditta esterna che coordinerà la sicurezza in fase di progettazione ed in fase di esecuzione per la realizzazione di 10 posti letto S.u.a.p. dedicati ad accogliere pazienti in stato vegetativo o stato di minima coscienza all’interno reparto per il trattamento dei pazienti con gravi cerebrolesioni acquisite in fase cronica e per la realizzazione di un reparto che comprende sia Medicina che Chirurgia per 8 posti letto (4 per ciascuna divisione) da realizzare nei vecchi reparti di Ostetricia e Ginecologia e la vecchia Divisione Chirurgica Generale.

Leggi anche:  Rimessi in libertà i due "taglialegna" di Mistretta