Palermo sarà zona rossa dalla mezzanotte e fino al 14 aprile compreso. Il Governatore Musumeci, ha firmato l’ordinanza, visto l’aumento dei contagi da coronavirus nel capoluogo dell’Isola. “Le misure sono state adottate a seguito della richiesta del sindaco di Palermo di disporre provvedimenti maggiormente restrittivi rispetto all’attuale zona arancione e dopo la relazione in tal senso del Commissario ad acta per l’emergenza Covid dell’area metropolitana di Palermo”, ricorda una nota della Presidenza della Regione.

Spostamenti ridotti

In teoria si dovrebbe stare a casa e uscire soltanto per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e motivi di salute. Le passeggiata, a piedi o con qualsiasi altro mezzo, sono vietate: un divieto che però può essere aggirato certificando di essere usciti per ragioni di necessità: la spesa, ma anche gli acquisti nei negozi che restano aperti, dalle librerie all’abbigliamento per bambini, dai giocattoli alle profumerie. Sì alle seconde case ma solo se di proprietà o affittate prima del 14 gennaio.

Niente visite a parenti e amici

Diversamente da quanto previsto per le feste di Pasqua, sono vietate anche le visite a parenti e amici che nei giorni rossi sono state consentite anche se con limitazioni (massimo in due, con deroghe per minori sotto i quattordici anni e disabili).

Scuola

Scuole aperte solo fino alla prima media. Per il resto Dad. Restano in presenza le lezioni per gli studenti disabili. Lezioni a distanza anche all’Università.

Leggi anche:  Covid, a Troina sono 26 i casi di positività

Parrucchieri chiusi

Restano sospese tutte le attività commerciali al dettaglio, tranne quelle definite di prima necessità: lavanderie, edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie, supermercati. E altri come librerie, abbigliamento per bambini, profumerie e intimo. Chiusi invece barbieri e parrucchieri e centri estetici.

Solo asporto

Bar e ristoranti restano chiusi al pubblico e aperti solo per l’asporto fino alle 18. Resta consentita la consegna a domicilio fino alle 22.

Attività sportiva

Consentita da soli e nei pressi della propria abitazione. In zona rossa le attività di gruppo all’aperto organizzate ormai da tantissime palestre, sono vietate.