Dovrà lasciare la casa familiare e non potrà avvicinare il coniuge. È quanto stabilito dalla misura cautelare emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Patti, a carico di un cinquantottenne indagato del reato di maltrattamenti in famiglia. Vittima la moglie costretta a subire sistematiche vessazioni psico-fisiche reiterate negli anni.

Le indagini esperite dai poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza del Commissariato di Patti, coordinati dall’Autorità Giudiziaria, hanno evidenziato una condotta caratterizzata da episodi di violenza e sopraffazione verbale e fisica ai danni della donna.

I frequenti scoppi d’ira, le minacce, gli insulti e finanche le percosse hanno caratterizzato la quotidianità della coppia costringendo la vittima a chiedere aiuto e denunciare quanto subito.

Leggi anche:  Coltivano piante di cannabis, arrestati padre e figlio a Taormina