Pd Sant’Agata, Canonico: “OffDem è una setta clandestina”


Vincenzo Canonico, Coordinatore del Circolo PD “Pio La Torre” di Sant’Agata Militello, si scaglia contro la corrente di minoranza del suo partito, “Officina Democratica“. Il segretario cittadino dei dem santagatesi risponde alla nota stampa dei suoi stessi compagni di partito che pare – lo abbiamo letto però da altri quotidiani – si propongano per dare alla cittadina tirrenica dei Nebrodi un nuovo progetto politico, in vista delle prossime elezioni amministrative.

Diciamo subito che questo giornale ha come politica editoriale quella di non pubblicare note stampa, lettere o missive che non siano firmate da nessuno. Da tempo questo gruppo del Pd santagatese, Officina Democratica, invia comunicati su progetti o iniziative ma non è mai presente alcun nome di coordinatori o componenti che ne se ne intestino i contenuti. Fare politica è assolutamente legittimo ma crediamo – è l’opinione di chi firma questo articolo – che se devi proporre un progetto alla città allora i cittadini debbano almeno conoscere chi lo propone. All’inizio pensavamo che fosse una dimenticanza presente nei comunicati ma poi ci siamo resi conto che questi esponenti ne hanno fatto una specie di “stile di vita”. Da qui la decisione di non pubblicare più comunicati stampa anonimi.

La questione però investe un partito, il Pd, che si propone alle prossime elezioni di governare Sant’Agata Militello. E il fatto che ci sia una frattura all’interno è una notizia che non possiamo ignorare. Sicuramente non lo sta ignorando il coordinatore Canonico che con toni particolarmente duri bolla il “modo di operare dell’Officina come di una setta clandestina che di un Circolo/Club culturale/politico, che addirittura non firma i comunicati e che sembra composta da 3 o 4 persone, che hanno tutto il diritto di manifestare le proprie idee, purché lo facciano a titolo personale e non dietro una fantomatica sigla che, peraltro, si richiama al Partito Democratico e rischia di creare confusione”.

“Apprendiamo, con vero stupore e meraviglia – prosegue Canonico – che gli amici dell’officina santagatese hanno fatto un comunicato sul tema delle prossime elezioni amministrativa a Sant’Agata Militello. Sarebbe interessante sapere chi sono e quanti sono. Con cadenza continua emettono comunicati e pubblicano foto di una qualche iniziativa. Ricordo un Convegno/Presentazione di una manifestazione realizzata un po’ di tempo fa all’interno del locale Palauxlium (spazio che fra platea e galleria può contenere circa 400/500) alla presenza di circa 7 /10 persone. Nonostante le tante e tante telefonate fatte. Sarebbe probabilmente bastato il tavolo di un ristorante”.

Abbiamo l’impressione di avere a che fare con una sigla anonima che a parte le solite trite e ritrite tiritere sulla democrazia, la partecipazione, la legalità e sul “come siamo bravi noi”, non evidenziata in alcun modo capacità politiche e democratiche ne tantomeno rispetta i principi di vera e leale partecipazione. Non abbiamo mai letto nessun passaggio sullo stato comatoso della nostra bella cittadina, ne tantomeno di progetti seri ed attuabili e/o qualche parola di critica nei confronti dell’attuale amministrazione. Praticamente i nostri avversari alle prossime elezioni.

Ciò induce, purtroppo e giustamente, qualche sospetto. Non staranno lavorando per il potente Re di Prussia?Persone dalle menti raffinate tentano, forse, di creare una torre di Babele? Ognuno parla una lingua diversa proprio per ingenerare caos e confusione. Speriamo proprio di no.

Il Circolo Pio La Torre ha comunque dato e continuerà a dare la più ampia e totale disponibilità a discutere, progettare, costruire insieme con tutte le forze  politiche, associative, di categoria, ai giovani, una alternativa vera e concreta all’attuale sciagurata gestione locale della cosa pubblica, che abbia come finalità il bene ed il rilancio della nostra cittadina.

Il Circolo locale ha già da tempo attivato i propri iscritti per discutere i temi all’ordine del giorno ed ha dato ampia disponibilità per un progetto alternativo all’attuale amministrazione, con un candidato forte, capace, onesto, leale ed in grado di rilanciare la nostra cittadina. Un progetto aperto, che guarda con particolare interesse ai giovani ed a chi ha competenza, passione e rispetto degli altri, aperto a chi vuole dare un contributo, con lealtà e trasparenza. Su questi presupposti siamo disponibili a confrontarci, a discutere, con tutte quelle forze locali interessate al progetto, purchè oltre ad esistere nei comunicati e sulla carta, rappresentino realmente un’area politica o culturale” – conclude Canonico.

Dalla stessa categoria