Arrestati ma nel giro di 24 ore assolti dal Tribunale di Patti. E’ quello che successo a due uomini di San Marco d’Alunzio, Giuseppe Santoro, 46 anni, nato a Solingen (Germania), residente nel paese aluntino, e Urs Marks Rohrer, 67 anni, nato a Bolligen (Svizzera), residente a Biel sempre nello Stato elvetico, domiciliato nel Comune nebroideo, accusati di detenzione illecita di sostanze stupefacenti, arrestati due sere fa, sono stati assolti ieri pomeriggio dal giudice del Tribunale di Patti Chiara Catalano e rimessi in libertà.

L’arresto era scattato al culmine di una perquisizione domiciliare svolta dai carabinieri della Stazione di San Marco d’Alunzio in contrada Desù da dove saltavano fuori 4 grammi di marijuana e una confezione di tabacco marca “Pueblo” con all’interno una confezione di marijuana. Da sotto il materasso, poi, Santoro prelevava e consegnava ai militari 51 grammi di marijuana contenuti in un involucro di plastica e un contenitore di latta con dentro 90 grammi di semini di marijuana.

All’udienza i due imputati – giudicati con il rito abbreviato – hanno ammesso di essere assuntori di sostanze stupefacenti e negando di voler cedere a terzi le suddette dosi, hanno detto che vivono in Svizzera dove lavorano soddisfatti delle proprie attività e del reddito che percepiscono.

Leggi anche:  Messina, armi e droga in casa: arrestato 32enne