Una raccolta firme contro la privatizzazione del cimitero di Sant’Agata di Militello. E’ l’iniziativa lanciata dal Circolo PD “Pio La Torre” di Sant’Agata di Militello.

“A seguito di quanto accaduto nell’ultimo Consiglio Comunale – commenta il segretario cittadino Vincenzo Canonico –   si stanno predisponendo tutti gli atti necessari per lanciare una petizione con raccolta firme dei cittadini santagatesi contro la sciagurata proposta di privatizzare il Cimitero.

Riappropriamoci del nostro diritto di “morire in pace” a Sant’Agata e di non dovere trasferirci in qualche paese vicino visti i costi esorbitanti che dovremmo sopportare in un momento, fra l’altro, di gravissima crisi economica.

Nello sciagurato caso che questo possa avvenire si prevedono aumenti considerevoli  dei costi del loculo, manodopera esclusivamente e qualsiasi attività all’interno del civico cimitero  a cura del gestore per qualsiasi tipo  di lavoro, 24 anni di contratto, esproprio ad un’abitazione privata dove vive una famiglia locale,    rivalutazione dei costi ogni 5 anni, praticamente un monopolio assoluto del gestore in tutte le operazioni inerenti il Cimitero.

Pertanto abbiamo deciso di farci portavoce della cittadinanza lanciando una raccolta firme contro la privatizzazione, visto che l’amministrazione non fa nessun un passo indietro.

Dalla prossima settimana inizieremo a raccogliere le firme nei tempi, nei modi e negli spazi che comunicheremo successivamente”. 

Leggi anche:  Sant’Agata, il mistero delle mascherine: presentata interrogazione