Santo Stefano, la donna al centro del convegno organizzato dall’A.N.C.

La donna nella società di ieri, di oggi e di domani: di questo si parlerà a Santo Stefano di Camastra il prossimo 24 di novembre, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. L’incontro – voluto e organizzato dalla locale sezione dell’ANC con il patrocinio dell’Assemblea Regionale Siciliana e del Comune di Santo Stefano – si pone l’obiettivo di tenere i riflettori accesi su una emergenza sociale e culturale purtroppo sempre di più tragica attualità.

Due distinti momenti scandiranno la giornata. Al mattino saranno coinvolte tutte le scolaresche di ogni ordine e grado. Presso il salone delle conferenze di Palazzo Trabia, per i giovani alunni si svolgerà un momento di riflessione e confronto con la campionessa nazionale di karate Anastasia Orlando, che offrirà una dimostrazione su come difendersi in caso di aggressione fisica. Alle 17.30, a Palazzo Trabia si terrà una tavola rotonda per analizzare il tema del femminicidio da diversi punti di vista: psicologico, sociale, giuridico, sanitario, educativo. A moderare i lavori, nel suo ruolo di coordinatrice dell’evento è la D.ssa Cristina Barone, medico di base e socia dell’associazione ANC di S. Stefano di Camastra, la quale ci ha tenuto a sottolineare che “il nostro obiettivo è quello di invogliare le donne vittime di violenza a denunciare, dare loro coraggio affinchè non si vedano imbrigliate in situazioni apparentemente senza uscita”. “Il nostro non vuole essere un incontro risolutivo – afferma il Presidente della sezione A.N.C. Pietro Volo – non cerchiamo di offrire soluzioni facili in quanto conosciamo la complessità del problema, puntiamo piuttosto ad un confronto a largo raggio, attraverso un lavoro di gruppo che esiti tanto nella fase d’analisi quanto in quella delle prospettive”.

Concluderà i lavori il Dr. Luigi Patronaggio, l’ultimo Procuratore di Mistretta attualmente in servizio alla Corte di Appello di Cagliari. Molto soddisfatto del lavoro svolto nel territorio è l’Ispettore Regionale dell’A.N.C. Sicilia Ignazio Buzzi, il quale ha voluto sottolineare l’interessamento da parte dell’Ordine dei Giornalisti di Sicilia e dell’Ordine degli Avvocati di Patti che hanno voluto accreditare questo convegno per la propria attività formativa. Vicinanza e collaborazione attiva c’è stata fin da subito con l’Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia. “Ma la cosa che più mi entusiasma – ha concluso Buzzi – è l’aver ricevuto importanti adesioni da parte di organi che operano in questo settore, come il Lions club dei Nebrodi, il Soropmist e il Rotary di Sant’Agata di Militello, la F.I.D.A.P.A. di Mistretta e tutte le associazioni antiviolenza del circondario. Questa visione d’insieme consente di avere uno approccio totale che, mediante l’utilizzo di canali diversi, si propone di raggiungere target differenti con l’obiettivo ambizioso di porre un argine ad un’emergenza che appare sempre più inesorabile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Da Milano Finanza