E’ iniziata ieri la somministrazione della seconda dose dei vaccini anti Covid nei presidi ospedalieri di Mistretta e Sant’Agata di Militello. Diversi operatori sanitari, che hanno fatto il richiamo e ricevuto dunque la seconda dose del vaccino a distanza di 21 giorni dalla prima inoculazione, riferiscono di sentirsi male. Cerchiamo di capire perché.

E’ stato possibile riscontrare, in altre realtà, che la seconda dose del vaccino provoca i dolori propri del Covid. Un forte dolore al braccio su cui è stata praticata la puntura, e poi malessere muscolare, articolare, dita intorpidite, grandi mal di testa, e ancora rigidità al braccio, gonfiori nella zona in cui è entrato l’ago della siringa, fino alle gastroenteriti e alla febbre che può toccare anche punte di 39,5 gradi. La debolezza nei muscoli di un lato del viso (paralisi facciale periferica acuta) si è osservata raramente, in meno di una persona su 1000.

Una persona su due di quelle che finora hanno ricevuto la seconda dose del vaccino anti-covid ha accusato i sintomi propri della malattia. E’ bene informare quindi coloro i quali si sono sottoposti a vaccinazione che i sintomi potrebbero arrivare a protrarsi anche per 48 ore.

Non è un’anomalia ma un effetto ampiamente previsto e atteso. “La percentuale arriva anche al 60% e quindi più di una persona su due – spiega Massimo Andreoni, primario di Tor Vergata e direttore della Società italiana di Malattie infettive – manifesta dei sintomi acclarati”. Una reazione in sostanza quasi del tutto assente, invece, dopo la prima somministrazione. C’è una spiegazione che deve tranquillizzare. “Il richiamo avviene in presenza di anticorpi specifici”, prosegue Andreoni dal momento che proprio con la prima dose l’organismo ha iniziato a sviluppare i cosiddetti “combattenti” del virus.

Leggi anche:  “L’Uso sostenibile degli oceani” in una videoconferenza di Fidapa

Come difendersi

E’ come se l’organismo con la prima dose preparasse il terreno alla crescita di anticorpi i quali si attivano con la seconda inoculazione fronteggiando l’antigene del virus e rispondendo al suo “attacco”. I sintomi più frequenti sono febbre e dolori muscolari ma le “persone devono stare tranquille – conclude Andreoni – i sintomi durano in media non più di 24 ore e con l’assunzione di paracetamolo (anche due grammi nell’arco di una giornata) i disturbi tendono poi a scomparire» senza lasciare strascichi o conseguenze”.

Perché la prima inoculazione non fa male

“La prima inoculazione è utile a sviluppare una immunità nel soggetto, il secondo inoculo serve a potenziare questa risposta di immunità e questo avviene in una tempistica molto breve perché – prosegue il direttore della Società italiana di Malatte infettive – normalmente siamo abituati nelle schedule vaccinali a far passare un numero più alto di settimane tra le due somministrazioni però lo studio scientifico ha dimostrato che tre settimane, ovvero 21 giorni, sono il tempo migliore per ottenere una risposta non solo efficace ma abbastanza duratura nel tempo anche se non possiamo ancora stimarla con esattezza”. Non c’è tuttavia da preoccuparsi perché i sintomi scompaiono e dimostrano l’efficacia del vaccino.

I dolori della seconda dose

“La seconda somministrazione dell’antigene al virus in presenza già di un numero di anticorpi nell’organismo determina questa reazione infiammatoria – argomenta ancora Andreoni – che è spiccata e porta a una sintomatologia”. Le vaccinazioni di prassi posso determinare dei disturbi classici legati al siero stesso “in questo caso sono un po’ più frequentanti ma conosciuti e spiegati nel lavoro che ha portato alla registrazione del vaccino”. In sostanza era atteso che la seconda dose comportasse dei malesseri generalizzati e propri della malattia. Anzi, nella letteratura scientifica “questa manifestazione dei sintomi era attesa nell’80% dei casi – puntualizza il primario di Tor Vergata – ma effettivamente dimostra la validità del vaccino perché alla seconda somministrazione la presenza di anticorpi già maturati risponde alla nuova dose di antigene”.

 

Leggi anche:  “L’Uso sostenibile degli oceani” in una videoconferenza di Fidapa