Una campagna straordinaria di screening per l’esecuzione di tamponi rapidi Covid 19 su tutta la popolazione residente nel territorio della Regione Siciliana, promossa dall’Assessorato della Salute della Regione Siciliana, in collaborazione con l’ANCI Sicilia, è stata presentata ieri pomeriggio durante un incontro in videoconferenza che ha coinvolto oltre 200 comuni dell’Isola.

“La grande partecipazione a questo incontro – hanno spiegato Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale dell’Associazione dei comuni siciliani – dimostra una grande attenzione e sensibilità da parte degli amministratori che hanno il compito di tutelare la vivibilità dei territori e la salute dei cittadini. Per contenere il contagio del virus, i cittadini interessati e su base volontaria saranno sottoposti al tampone rapido”.

“Per garantire quanto più possibile il contenimento della pandemia – ha concluso Orlando – è fondamentale mantenere un confronto costante con l’Assessorato regionale alla Salute e con le Asp in modo tale da ricevere aggiornamenti continui sull’evoluzione dei contagi nei territori comunali. L’assessore Razza ha garantito che tra qualche giorno saranno fornite le modalità operative e saranno individuate le aree da destinare  all’esecuzione dei test sierologici”.

I comuni, nello specifico, dovranno individuare nel proprio territorio aree o strutture idonee alla campagna di screening con le seguenti caratteristiche: vie di entrata e di uscita esclusive;  locali adeguati per il personale sanitario e per lo smaltimento di rifiuti speciali in bio contenimento. Dovranno, inoltre, favorire la divulgazione alla cittadinanza attraverso una opportuna pianificazione degli accessi all’esecuzione dei test.

Leggi anche:  Covid in Sicilia: 1.294 i nuovi contagiati e 34 decessi