Sinagra, docente adescava studentessa minorenne: arrestato


Si trova agli arresti domiciliari un insegnante di 54 anni, residente a Sinagra, docente in un istituto dei Nebrodi, accusato di abusi sessuali ai danni di una studentessa di minore età dello stesso istituto. L’arresto è stato eseguito dagli agenti della Squadra investigativa del Commissariato di polizia di Capo d’Orlando, che hanno condotto le indagini sotto la guida del dirigente, il vice questore aggiunto Carmelo Nicola Alioto.

Nel corso delle indagini è stato ricostruito il rapporto che l’insegnante aveva costruito con la minore e che ben presto aveva lasciato spazio a messaggi, video, audio, inviati attraverso Whatsapp. Inoltre pare che il docente avesse anche avanzato richieste di incontri reali, a sfondo “intimo” attraverso gli stessi messaggi. Veniva chiesto in maniera inequivocabile che la minore inviasse foto “esplicite”. Gli agenti hanno provveduto a sequestrare il telefono cellulare del docente dove pare siano state riscontrate tutte le prove a testimonianza della sua condotta.

A far scattare l’allarme, la scoperta delle conversazioni da parte della famiglia di lei, soprattutto dopo la richiesta di incontro dal vivo. La misura cautelare degli arresti domiciliari contempla il divieto assoluto di ogni forma di comunicazione con i minori con qualsiasi mezzo, compresi il telefono cellulare, internet e social network.

Ricordiamo che l’indagato – non un condannato – ha tutte le possibilità di difendersi nelle sedi opportune e dimostrare la propria innocenza, con l’ausilio del suo legale di fiducia.

Dalla stessa categoria