Tra Castelluccese e Milazzo vince il calcio: al “Bearzot” finisce 3 a 3


Contro un Milazzo in cerca di punti preziosi per scalare posizioni in classifica in vista dei prossimi play-off, la Castelluccese conclude la stagione agonistica con un pirotecnico 3 a 3 che lascia un pò l’amaro in bocca per la splendida prima ora di gioco sciorinata al Comunale “E. Bearzot” dagli uomini di mister Cipolla.

Dirigenti: Scudieri, Tita, Cicero e Tata con il bomber Santo Salerno

La Castelluccese mette subito alle corde la formazione ospite e al 6′  si porta in vantaggio con  Scarpinato che, sulla sventagliata di Di Giovanni, prima impegna severamente l’estremo difensore avversario e sulla ribattuta di quest’ultimo ribadisce in rete di testa. All’11’ il Milazzo potrebbe subito impattare la gara ma sulla respinta corta di Franco in uscita su Arena, è provvidenziale l’intervento di Oieni sulla conclusione a botta sicura di Dama. Passano solo due minuti e la Castelluccese, dopo un’azione tambureggiante, potrebbe raddoppiare ma la conclusione di Salerno trova la pronta risposta di Bonasera. Il portiere mamertino risponde presente anche al 19′ quando Salerno, servito da Rinaldi, conclude pericolosamente verso la porta avversaria.

Il Milazzo in balia della Castelluccese per tutta la prima frazione di gara ha un sussulto nei minuti finali e solo  due interventi prodigiosi di Franco sulla conclusione di Arena al 43′ e sulla splendida semirovesciata di Cardia al 44′ negano il pari agli ospiti. Ancora più spumeggianti i biancorossi ad inizio ripresa ed il goal del raddoppio  arriva già al 46′: Scarpinato imbuca per Rinaldi, scarico per Salerno che timbra il cartellino per la 24^ volta in campionato, legittimando ulteriormente il titolo di capocannoniere del campionato. Sulle ali dell’entusiasmo, la Castelluccese continua a divertirsi e a divertire sfiorando la rete che potrebbe definitivamente chiudere la gara e invece al 60′ è iI Milazzo, grazie alla prodezza balistica di Cardia su calcio di punizione, ad accorciare le distanze e rientrare in partita.

Santo Salerno Peppe Ruffino

Al 68′ i mamertini trovano addirittura il pari con Arena bravo, sul lancio di Calcagno, a scavalcare Franco in pallonetto. Sul 2 a 2 cambia l’inerzia della gara e tra il  78′ e il 79′ prima Arena e poi Dama si rendono pericolosi dalle parti di Franco. All’ 85′ l’episodio che poteva condannare la Castelluccese ad una sconfitta immeritata: il direttore di gara concede un penalty generosissimo per fallo di Cipolla su Arena; dagli 11 metri Dama non sbaglia e mette a segno il momentaneo 2 a 3. Ad evitare la beffa clamorosa ci pensa all’88’ Rinaldi: il 10 biancorosso, protagonista di un finale di stagione ad altissimo livello, riceve palla sul vertice sinistro dell’area di rigore avversaria e con un bel diagonale infila l’incolpevole Bonasera per il 3 a 3 definitivo che chiude la stagione dei biancorossi, bravi, nonostante le mille difficoltà affrontate nell’arco della stagione, a centrare con largo anticipo l’obbiettivo salvezza,  consentendo, allo stesso tempo, al proprio capitano di portarsi a casa il titolo di miglior marcatore del campionato.

CASTELLUCCESE: Franco, Molinaro, Oieni, Flauto, Di Giovanni, Arena (84′ Cipolla), Salerno (71’Grillo), Barberi (90′ Platia), Rinaldi, Milia (90′ Di Francesca); Solaro.

MILAZZO: Bonasera, Brunetto, Leo, Coulibaly, Ferlazzo, Di Bella, Calcagno (93′ Maio), Cardia, Del Bello (47′ Recupero), Dama, Arena; Hoxhaj, Misiti, Shpellzaj, Matinella.

MARCATORI: Scarpinato (6′), Salerno (46′), Cardia (60′), Arena (78′), Dama (85 rig.), Rinaldi (88′).

Dalla stessa categoria