Tragedia sulla A20, gestante di Mistretta partorisce in autostrada: bimbo muore


Quello che accaduto nell’autostrada A20 nei pressi dello svincolo autostradale di Santo Stefano di Camastra, intorno alle 14 di oggi, è incredibile: una coppia, lanciata a folle corsa sulla propria auto verso il reparto di maternità dell’ospedale Romeo di Patti, per i dolori addominali accusati dalla donna al settimo mese di gravidanza, ha visto nascere il loro figlio in una piazzola di sosta dell’autostrada, la prima dopo l’ingresso nell’A20 in direzione Messina.

La donna ha cominciato a soffrire per le doglie e ha chiesto al marito di fermarsi. E a quel punto si è capito che non c’era più tempo. La coppia inizialmente ha avuto una bella dose di paura: fermi sul bordo della strada, con la donna particolarmente dolorante e l’impossibilità di andare avanti. E soprattutto non sapendo come gestire la situazione.

La giovane partoriente, dalle informazioni in nostro possesso, pare sia uscita dall’auto e dopo essersi accasciata, senza nemmeno rendersene conto si è ritrovata con il neonato tra le braccia legato a se dal cordone ombelicale. A dare i primi soccorsi alla coppia operai dell’ANAS di passaggio che hanno lanciato l’allarme attivando il servizio di emergenza sanitario 118.

Sul posto l’ambulanza della postazione di Santo Stefano di Camastra che ha immediatamente preso in carico il piccolo e si è lanciata verso l’ospedale pattese ma la situazione si è complicata per il nascituro e così i sanitari hanno deciso di guadagnare tempo portando il piccolo all’ospedale di Sant’Agata dove, nonostante i tentativi di rianimazione, è arrivato morto.

A ruota è arrivata l’ambulanza del 118 di Mistretta che ha trasferito la partoriente fino ai caselli autostradali di Sant’Agata di Militello dove ha consegnato la giovane mamma al personale sanitario dell’ambulanza medicalizzata di Sant’Agata che l’ha in seguito portata al Barone Romeo. La donna, apprendiamo dai sanitari, è in discrete condizioni di salute.

Sulla vicenda la procura di Patti ha aperto un’inchiesta. Il sostituto procuratore Andrea Apollonio ha disposto l’autopsia sul nascituro che, a bordo dell’ambulanza del 118 di Santo Stefano di Camastra, scortata dalla polizia, sta per essere trasferito all’obitorio del policlinico universitario di Messina.

Dalla stessa categoria