Al via da ieri, 17 febbraio, e fino al 31 agosto prossimo, il progetto di implementazione dell’asilo comunale “Madre Teresa di Calcutta” di Troina. Grazie ad un finanziamento di 150 mila euro dell’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, volto allo sviluppo dei servizi socio-educativi per la prima infanzia, il Comune ha redatto un piano di implementazione del servizio, mediante prolungamento orario ed inserimento di nove attività e laboratori didattici aggiuntivi per i bambini. A realizzarli, tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.30 alle 11.30 e dalle ore 16.00 alle 18.00, e per due sabato mattino mensili, 13 giovani troinesi della locale “Elios-OSU Società Cooperativa Sociale Onlus”, aggiudicatrice, insieme alla mandataria “CAS Società Cooperativa Sociale Onlus” di Messina, della gara per l’affidamento della gestione del servizio.

A renderlo noto, il sindaco Fabio Venezia: “Per una comunità che vuole guardare al futuro – dichiara , i servizi per l’infanzia sono una priorità e, su questa linea, negli ultimi anni l’amministrazione comunale ha concentrato le proprie energie. Energie che hanno permesso da una parte, di migliorare notevolmente i servizi per i più piccoli e per le famiglie, dall’altra di creare opportunità lavorative per i giovani del territorio”.

I giovani professionisti, tra cui figurano 1 coordinatore generale del progetto, 1 assistente sociale, 2 educatori logopedisti, 6 animatori e 3 OSA, realizzeranno laboratori di attività manipolativo-costruttive, di ginnastica, di psicomotricità, di massaggio neonatale, di attività linguistico-cognitive, di teatro, di sonorità, di attività simboliche, grafico-pittoriche, di cucina, di pet therapy e di acquaticità. Per poter meglio realizzare quest’ultime, è stata inoltre siglata una collaborazione con due società esterne locali, la palestra “Victoria Fitness srl” e l’associazione di volontari “Qua la zampa”, oltre ad una logopedista, in convenzione con l’IRCCS “Oasi Maria Santissima” di Troina, ad ulteriore supporto delle attività linguistiche. Previsto inoltre un corso di formazione in tecniche di pronto soccorso, prevenzione e trattamento dei traumi pediatrici.

Leggi anche:  Il Troina non si ferma, battuto il Palazzolo per 2-0

“Si tratta di un’ulteriore aiuto alle famiglie e soprattutto alle mamme lavoratrici e non – spiega l’assessore alla pubblica istruzione Carmela Impellizzeri – , attraverso l’impiego di figure specialistiche che migliorano l’offerta formativa per i nostri bambini, con azioni mirate che favoriscono la socializzazione e l’educazione. È inoltre un’occasione d’impiego per 13 nostri giovani, che saranno impegnati a vario titolo in interventi specialistici e preventivi, ed una piccola boccata d’ossigeno per le famiglie e l’economia locale”.