Con ordinanza emanata stamane il sindaco di Troina Fabio Venezia, al fine di tutelare la salute pubblica e contenere il contagio epidemiologico da Covid-19, vieta, a partire da oggi lunedì 23 marzo, e fino a nuove disposizioni, l’accesso all’isola ecologica di contrada Pizzo San Pietro per il conferimento dei rifiuti.

L’accesso sarà invece consentito, una sola volta la settimana, solo ed esclusivamente ai cittadini che non usufruiscono del servizio di raccolta “porta a porta”. Nelle abitazioni in cui sono presenti soggetti non positivi al tampone, ma in auto quarantena, si raccomanda invece, a scopo cautelativo, di smaltire fazzoletti, tovaglioli e rotoli di carta tra i rifiuti indifferenziati. Dovranno inoltre essere utilizzati almeno due sacchetti, l’uno dentro l’altro, che andranno adeguatamente chiusi con guanti monouso, utilizzando legacci o nastro adesivo, che dovranno essere smaltiti nella giornata di venerdì fuori dall’abitazione, possibilmente in un contenitore a pedale o nei cassonetti condominiali.

A partire da domani, martedì 24 marzo, e fino a nuove disposizioni, tutti i panificatori locali saranno aperti solo il martedì, il giovedì ed il sabato, dalle ore 7.00 alle ore 13.30, garantendo l’adeguato approvvigionamento anche nei supermercati e nei negozi di generi alimentari.

La decisione dell’amministrazione è maturata stamane, in seguito alle difficoltà manifestate da diversi panificatori locali nella produzione giornaliera, dovuta alla carenza di personale. Con tale scelta, precisa la giunta Venezia, si limiterà non solo l’uscita da casa dei cittadini, consentendo di acquistare una quantità di pane adeguata al fabbisogno delle famiglie anche per più giorni ma, al contempo, si salvaguarderà il benessere fisico e mentale degli addetti ai lavori con una turnazione che garantisca il riposo.

Leggi anche:  Razza: "Oasi di Troina candidata a capitale mediterranea delle neuroscienze"

Si raccomanda pertanto ai cittadini di non affollare panifici e supermercati, in quanto la fornitura, sia di pane che di beni di prima necessità, resterà assolutamente garantita.