Dopo la diffida adesso la denuncia. Il gruppo di Grande Distribuzione, che ha commercializzato un suino nato e cresciuto in Francia come “suino nero dei Nebrodi”, utilizzando il marchio illegittimamente, dopo la lettera di diffida inviata dal Parco dei Nebrodi, firmata dal presidente Domenico Barbuzza, è stato denunciato per la truffa alimentare ai danni dei consumatori dagli allevatori dei Nebrodi.

L’OPAN (Organizzazione Prodotto Allevatori Nebrodi) ha deciso di intraprendere le vie legali per difendere i produttori nebroidei. “Sono anni – dichiara il presidente Giuseppe Frusteri al giornale online AMnotizie.itche ci arrivano segnalazioni di prodotti di suino nero che in realtà arrivano da altre parti d’Italia. Oggi siamo arrivati all’assurdo. Suino nato in Francia, allevato in Francia, ma dei Nebrodi. Il consumatore deve sapere che è una truffa. Di questo ne prendiamo atto e ci comporteremo di conseguenza. Il Parco ha inviato la diffida per difendere il marchio, noi come OPAN tuteleremo dal danno economico che gli allevatori hanno avuto da questa vicenda”. 

Leggi anche:  Emergenza Covid a Sant'Agata: 11 casi positivi, uno trasferito al Papardo