Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, alle 16:30 la facciata della caserma che ospita il Comando Compagnia Carabinieri di Santo Stefano, di via Della Giara 1, si è illuminata di arancione, il colore scelto a livello mondiale come simbolo di un futuro senza più violenza sulle donne.

L’iniziativa, voluta dal Soroptimist Internecional Club Nebrodi per donne impegnate in attività professionali che opera attraverso azioni concrete per la promozione dei diritti umani, l’avanzamento della condizione femminile al fine di collaborare a creare nel mondo forti comunità pacifiche, ha assunto, a Santo Stefano di Camastra, maggiore significato proprio per la presenza di una donna: l’ufficiale dei Carabinieri  Martina Perazzolo, il Capitano che da tre anni e mezzo sovraintende e coordina le attività nella Compagnia della Città delle Ceramiche.

Da ieri, fino al prossimo 10 dicembre, saranno illuminate di arancione le caserme dell’Arma dei carabinieri che ospitano le 150 stanze del progetto “Una stanza tutte per sé”, nata per assistere la donna nel delicato momento della denuncia delle violenze subite, grazie a una collaborazione istituzionale tra l’Arma e il Soroptimist International d’Italia, l’associazione di donne impegnate nel sostegno all’avanzamento della condizione femminile nella società.

“Una stanza tutta per sé”  è un ambiente allestito in modo che la donna possa sentirsi a proprio agio nel raccontare di volta in volta le emozioni negative vissute, accolta in un luogo dedicato da personale specializzato come quello creato nella caserma di Santo Stefano, la cui inaugurazione è stata rimandata a causa dell’emergenza Covid.