lunedì - 17 dicembre 2018
 

La favola del pastorello e della pecora senza “buttuni”

Sono andato a prendere lo scatolone dentro il quale ogni anno, dopo l’Epifania, riordino il sughero e i personaggi con i quali allestisco il mio presepe in vista delle festività natalizie. Preparo l’area presepiale e svuoto la scatola dei personaggi per posizionali uno ad uno. Sistemo la prima statuina che mi capita per le mani,

0 condivisioni

“Non ho colpe, io vado avanti fino al 2020”

Galati, mentre cerca quote rosa Baglio difende se stesso

Che Galati vive una situazione politica a dir poco grottesca è fuor di dubbio. Come fuor di dubbio sono le continue sgrammaticature, dal punto di vista politico- gestionale della cosa Pubblica, da parte del sindaco Baglio che oramai sembra aver perso il controllo della situazione

0 condivisioni

Galati Mamertino, la lettera aperta di Nuovamente Galati: “Caro sindaco i cittadini hanno chiesto il cambiamento non poltrone”

Caro Sig. Sindaco, Con la stessa imparzialità, obiettività e sincerità con cui in questi anni ho espresso il mio personale parere, mi permetto, in qualità di cittadino libero da qualsiasi tipo di interesse politico e personalistico, di dissentire con veemenza dalle sue pubbliche motivazioni che l’hanno spinta a sollevare dall’incarico l’assessore Truglio. Il Presidente del

0 condivisioni

Galati Mamertino, l’amministrazione ha perso la bussola e la barca è alla deriva

Galati Mamertino oggi è un centro che si accinge a festeggiare i Tre Santi con le sontuose processioni del Crocifisso di Fra Umile da Petralia ma che si accinge anche a certificare scelte politiche parecchio discutibili nell’ambito di una amministrazione che perde ogni giorno pezzi di consenso

0 condivisioni

si è creata una situazione di confusione tale da aver mandato in tilt un’intera comunità

Galati Mamertino, il paese del caos: caro sindaco se ci sei batti un colpo

Siamo alla pedanteria come metodo, alla strafottenza come sistema di vita, a un sistema in cui la legge non si applica ma si interpreta a uso e consumo di questo o quell’amico e di conseguenza a danno di questo o quel cittadino. Gli episodi, purtroppo, sono tanti e sarebbe persino noioso elencarli tutti qui. Non serve generalizzare: il sindaco Nino Baglio è in balia di un continuo ricatto che qualcuno si ostina a chiamare politico ma che tale non è

0 condivisioni

Galati Mamertino non ha saputo cogliere l’opportunità del turismo naturalistico

Galati, il boom del Catafurco: i doni del Padreterno e il dovere degli amministratori

Nei giorni scorsi (25 aprile e primo maggio) le Cascate del Catafurco di Galati Mamertino hanno registrato un vero e proprio boom di visitatori.  Non è in verità una grande novità

0 condivisioni

Colpisce il silenzio dei vertici nazionali del partito

matteo renzi

Il caso Antoci: il silenzio di Renzi e la solitudine di Peppe

Lo scontro tra il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e l’ormai ex presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci detto Peppe ha un convitato di pietra: Matteo Renzi

0 condivisioni

Continua a tenere banco la vicenda che ha visto protagonista il vicesindaco di Mistretta

L’errore di Oieni e il dovere di chiedere scusa

La gravità non risiede in un’affermazione esternata (senza alcun dubbio inquietante), grave poiché largamente condivisa da un nutrito gruppo di presenti, ma nel fatto che tale affermazione sia uscita dalla bocca di Vincenzo Oieni, il vice sindaco del comune di Mistretta che in quel momento rappresentava un’intera comunità. Oieni ha sbagliato

0 condivisioni

Cosa non  capiscono gli amministratori locali dei Nebrodi della parola libertà?

zone franche montane

“I giornali mi attaccano”: l’eterno vittimismo degli amministratori locali

Abbiamo più volte scritto su questo giornale che abbiamo un solo interesse: fare informazione. Corretta, puntuale. Lo abbiamo scritto perché qualche amministratore locale ha ritenuto di doverci attaccare in malo modo e lo abbiamo fatto per rivendicare un diritto sacrosanto, il diritto di critica

0 condivisioni

Amare i Nebrodi con i fatti e non solo con le parole

Auguri ai Nebrodi, territorio meraviglioso che ha bisogno di amore

Amare i Nebrodi significa viverci mettendo da parte superficialità e pressapochismo, significa cogliere e valorizzare la parte migliore che c’è (e c’è eccome), significa fare di questo pezzo di terra siciliana un esempio per tutti anche per chi vorrebbe la Sicilia sempre uguale a se stessa

0 condivisioni

Possono i Nebrodi candidarsi a essere meta turistica nazionale e internazionale?

Turismo, enogastronomia e agricoltura: quello che manca per fare grandi i Nebrodi

Abbiamo più volte pubblicato sul nostro giornale gli interventi di esperti e imprenditori. In particolare vogliamo citare ancora una volta l’imprenditore orlandino Carlos Vinci che non manca di far sentire la sua voce critica sulle strategie adottate da questo territorio per attrarre turisti. Manca ancora un sistema: questa è l’amara verità

0 condivisioni

"C’è ancora tanto da fare e si può fare ancora tanto"

La grande lezione di umanità di Padre Ferlauto

Grande esempio di caparbietà e determinazione, sognava di realizzare un centro che si occupasse dei più bisognosi, di quei malati che venivano nascosti dalle famiglie ed erano reietti della società; sognava di dare loro dignità e speranza e c’è riuscito. Ha speso la sua vita a dare forma ai proprio sogni e progetti e con la nascita dell’Oasi Città Aperta ha compiuto il suo capolavoro

0 condivisioni

Globalizzazione e omologazione: uomini numeri

La società contemporanea tende sempre più a porre in secondo piano la centralità della persona e il suo valore, per ridurla a nient’altro che un numero, un dato statistico, un elemento quantificabile e perfettamente intercambiabile. Uomini e donne vengono privati dalla propria unicità, svuotati dalla loro profonda dimensione di esseri umani

0 condivisioni

Galati Mamertino, manifestazioni d’agosto solo uno spot politico. Serve programmazione

Prendiamo spunto dal post del presidente della Pro loco di Galati Mameritino Calogero Emanuele su Facebook per tornare a occuparci del “ridente” paesino dei Nebrodi. Negli ultimi tempi, per la verità, più piangente che ridente. Scusate l’ironia ma non c’è altro modo per sdrammatizzare una situazione che si fa tragica di giorno in giorno

0 condivisioni

L’unica arma contro gli incendi boschivi è la gestione del territorio

Nonostante in passato si siano riscontrate annate altrettanto eccezionali, il 2017 sarà ricordato come un annus horribilis per gli incendi boschivi. La tendenza però è quella di trattare questi avvenimenti come un’emergenza, senza soffermarsi sulle cause e senza un approccio preventivo e di gestione nel lungo periodo che, in molti casi, potrebbe limitare i danni causati dai

0 condivisioni

La disposizione del prefetto sui migranti è davvero una “violenza istituzionale”?

L’espressione è stata utilizzata dal sindaco di Castell’Umberto Vincenzo Lionetto Civa per descrivere la disposizione della Prefettura di Messina relativa al collocamento straordinario di circa 50 migranti. Non vogliamo esprimere una valutazione politica dell’operato di un sindaco, ma l’occasione per fare delle considerazioni generali: come si dovrebbe gestire un’emergenza di questo tipo?

0 condivisioni

“Ma lascia stare… chi te lo fa fare…?”

Questo è il pensiero comune di una moltitudine di persone. Il pensiero che diventa inopportuno quando, gratuitamente, viene consigliato agli altri; che fa desistere, chi lo manifesta, da qualsiasi azione, ancor prima di averci provato. Il triste modo di esprimersi di tanta gente che sa di star male, ma non allunga il braccio per star

0 condivisioni
Login Digitrend s.r.l