È chiaro che quando due squadre di un livello così differente si incontrano, l’esito non può che essere piuttosto scontato. Eppure, non bisogna dimenticare come, soprattutto durante la stagione estiva e in fase di preparazione, le sorprese sono all’ordine del giorno. Nessun colpaccio, però, nella prima amichevole per Capo d’Orlando contro la Cestistica Torrenovese.

Quando si parla di potenziali sorprese, però, la prima cosa a cui si pensa è quella di provare a scommettere. Infatti, spesso e volentieri, sul web si trovano piattaforme in grado di garantire un palinsesto di quote davvero molto interessante e chi ha esperienza con i pronostici legati alla pallacanestro può trovare le soluzioni migliori. Al giorno d’oggi, scommettere è decisamente più facile, dal momento che ci sono numerosi casino online che offrono l’accesso anche direttamente tramite il proprio device mobile.

La Torrenovese cede alla distanza di fronte a Capo d’Orlando

Capo d’Orlando ha disputato la prima partita della sua pre-season, in un percorso di avvicinamento che porterà la squadra di coach Sodini ad affrontare il campionato di Serie A2. Si è trattato certamente di un ottimo test per entrambe le squadre, con la squadra di Torrenova che non ha mai sfigurato di fronte ad un avversario di calibro superiore.

Nella prima uscita, quindi, che si è disputata al PalaMangano di Sant’Agata Militello, Capo d’Orlando ha avuto la meglio sulla Cestistica Torrenovese con il punteggio di 79-61. A prima vista potrebbe sembrare certamente una partita decisa fin dall’inizio, invece non è stato così e dai tabellini si può intuirne anche il motivo.

Infatti, Capo d’Orlando non ha un grandissimo approccio con il primo match della stagione: la partenza è di quelle decisamente complicate, dal momento che gli uomini di coach Sodini vanno sotto di nove, 6-15. Nel secondo quarto, però, le cose tornano a funzionare per l’Orlandina, che riesce a recuperare, anche grazie ad un’impressionante break di 35-17, con cui non solo ribalta la gara, ma allunga sul +9, 41-32, alla seconda sirena.

Se Querci e Laganà erano stati i protagonisti della rimonta e del sorpasso operato nella seconda frazione, nel terzo quarto sono Mobio e Neri a tenere Capo d’Orlando avanti. Infatti, è ottimo l’approccio al secondo tempo da parte della Cestistica Torrenovese, che riesce a restare in scia limitando i danni: al 30’ il tabellone segna 58-48.

Nel corso dell’ultimo parziale, però, alla Torrenovese non riesce il miracolo né il recupero, nonostante la decisione di Sodini di puntare sui giovani. Il coach biancazzurro, infatti, sceglie un quintetto giovanissimo, ma si tratta di una scelta che dà comunque degli ottimi frutti, visto che i suoi ragazzi tengono alla grande il campo e, anzi, allungano nel punteggio. Il parziale di 21-13, infatti, è quello che modella alla fine il risultato dell’incontro, che finisce 79-61 per Capo d’Orlando.

Indicazioni importanti per coach Sodini

Leggi anche:  Capo d'Orlando, previste 37 telecamere in più sul territorio comunale

Le indicazioni di questa prima sgambata amichevole sono state molto interessanti per coach Sodini, che ha potuto notare già degli spunti interessanti dal quintetto titolare. Non solo, dato che il neo arrivato Lorenzo Querci ha dimostrato di avere le carte in regole per portare in dote un buon bottino di punti ad ogni partita: 17 punti in questa prima amichevole.

Contro la Torrenovese hanno brillanto anche Laganà, autore di 15 punti, mentre in doppia cifra sono finiti pure Mobio e Neri, che hanno contribuito alla causa con 13 punti ciascuno. Per la Cestistica Torrenovese, infatti, si è trattato di un ottimo match per mettere benzina nelle gambe e confrontarsi con un’avversaria di livello superiore, senza sfigurare nel corso della partita.