Riceviamo e pubblichiamo la nota di Poste Italiane in merito all’articolo a Messina rischiano la chiusura 5 uffici postali”.

Poste Italiane, con più di 12.800 uffici postali e una rete di oltre 60.000 risorse dedicate al recapito di posta e pacchi, è parte integrante del tessuto sociale e produttivo del Paese. In coerenza con la sua tradizione, quindi, si pone come “azienda al servizio delle comunità”, grazie alla capillarità della propria rete fisica e digitale.

«Poste Italiane considera la sua presenza sul territorio un asset strategico di fondamentale importanza, e su questo rassicuriamo cittadini, istituzioni e imprese; – ha dichiarato il Vice Direttore Generale, Giuseppe Lasco (nella foto) – nel 2018 l’Azienda ha dato avvio ad un piano importante di investimenti per i Piccoli Comuni che si è sostanziato in nuovi servizi e diverse attività implementate a livello locale. L’impegno più significativo, ossia di mantenere in funzione tutti gli uffici postali presenti nei Piccoli Comuni, è stato pienamente rispettato: non abbiamo chiuso e non chiuderemo nessun Ufficio Postale nelle comunità meno densamente abitate».

In linea con tale impegno, il Piano di rimodulazione degli uffici Postali definito per l’anno in corso interessa esclusivamente i grandi centri urbani nei quali sono presenti decine o centinaia di uffici postali e tiene conto della presenza di uffici limitrofi entro 3 chilometri.

Tale Piano non impatta in alcun modo sulle comunità meno densamente popolate. Al contrario gli interventi andranno ad interessare una parte minima degli uffici postali presenti nei grandi centri urbani, pari solo allo 0,7% dell’intera rete che Poste gestisce nel Paese. Tale operazione consentirà di liberare alcune risorse per rafforzare territori e zone urbane che hanno bisogno di maggiore copertura per presenza di abitanti, necessità di servizi aggiuntivi, vicinanza ad imprese e/o amministrazioni.

«A tutela di tutti i cittadini interessati, – ha continuato Giuseppe Lasco – il processo per la definizione complessiva degli interventi nei grandi centri urbani ha previsto il coinvolgimento delle amministrazioni locali attraverso un programma di incontri dedicati ad ogni singola Amministrazione, in ogni singolo Comune».

Il programma di incontri rappresenta un ulteriore elemento costitutivo del nuovo dialogo e del confronto aperto che avvicina ancora di più Poste Italiane, i territori e le istituzioni. Il percorso instaurato dall’Azienda è fatto di impegni reali, investimenti, nuovi servizi e opportunità concrete per la crescita economica e sociale del Paese.

In particolare, il piano di interventi previsto per la città di Messina è frutto di una continua interlocuzione con le strutture centrali e locali dello Stato. Grazie a questo confronto, Poste Italiane conferma pienamente la sua presenza in Città, con i suoi 50 uffici postali e i 32 ATM Postamat abilitati a tutte le operazioni, disponibili sette giorni su sette ed in funzione 24 ore su 24.

Inoltre, a testimonianza del sostegno allo specifico territorio l’Azienda comunica che, proprio in provincia di Messina, è presente il Comune di Venetico, nel quale sono stati realizzati il maggior numero di interventi di rafforzamento di servizi nell’ambito del programma dedicato ai Piccoli Comuni; a Venetico Poste Italiane ha realizzato ben 6 interventi nel corso dell’anno, dall’installazione del nuovo ATM, all’abbattimento delle barriere architettoniche, dall’impianto di nuove telecamere per la sicurezza, alla disponibilità del Wi-Fi gratuito per tutta la cittadinanza.

Leggi anche:  Riapre il tratto dell'asse viario Giammoro-Milazzo