Le strade interne dei Nebrodi sono in pessime condizioni e l’emergenza neve di queste settimane non ha fatto altro che acuire ancora di più un problema atavico che non sembra trovare al momento una soluzione. A causa del maltempo il presidente del Gal Nebrodi Plus, Francesco Calanna, ha chiesto l’intervento diretto della Regione, in particolare dell’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, sui vertici dell’Anas. Per Calanna l’Anas non avrebbe mezzi adeguati per risolvere l’emergenza neve: “Inammissibile che nel 2019 ci siano delle arterie stradali completamente bloccate” lamentando che i cittadini siano trattati come cittadini di serie B.

Sulla questione interviene anche l’Assessore alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica ed ex sindaco di Capri Leone, Bernardette Grasso: “Le avverse condizioni climatiche hanno causato notevoli disagi come le interruzioni di strade provinciali e statali. Ho sentito l’Assessore al ramo, Marco Falcone, il quale ha convocato i vertici regionali dell’Anas, per intervenire con prontezza. Il Governo Musumeci – continua l’Esponente di Forza Italia – ha posto la massima attenzione per risolvere i problemi di dissesto e viabilità sulle strade provinciali e statali. Da parte mia, inoltre, c’è stata vicinanza ai sindaci e costante contatto sia con la protezione civile che con i tecnici della Città Metropolitana. È pur vero – conclude Grasso – che il problema della viabilità non nasce oggi, bensì affonda le sue radici in una gestione passata, che ha contribuito ad amplificare i disagi per i quali oggi si pagano le conseguenze”.

Queste sono emergenze dovute al maltempo. Ma non dobbiamo dimenticare del fenomeno delle frane che rischia di isolare paesi interi, come Alcara Li Fusi. Il paese nebroideo infatti ha dovuto fare i conti con ben 4 frane nell’ultimo anno, finite lungo la Provinciale 161, unica strada di accesso al comune alcarese ed arteria percorsa ogni giorno da migliaia di mezzi, tra cui gli autobus che ogni giorno portano i ragazzi a scuola.

Leggi anche:  I produttori dei Nebrodi progettano una nuova condotta di Slow Food

Abbiamo così deciso di lanciare una campagna di sensibilizzazione nei confronti della classe politica siciliana per una viabilità del territorio degna di un paese europeo. Parlare di turismo e di sviluppo economico dell’area è fuorviante senza un intervento di manutenzione ordinaria e straordinaria delle viabilità interna dei Nebrodi.

Ai nostri lettori chiediamo di inviarci le vostre segnalazioni all’indirizzo e-mail nebrodinews@gmail.com