Sui Nebrodi torna la coltivazione del grano antico. Lo scrive il quotidiano online siciliarurale.eu che racconta come in alcuni campi, che ricadono nel territorio di Galati Mamertino, rivive la coltura del grano duro di montagna. 

Il progetto “Diamo una mano al grano” ha preso il via con gli Ambasciatori del Gusto di Messina, Francesco Arena, Pasquale Caliri e Lillo Freni, che con l’aiuto degli anziani del luogo, hanno seminato  venti ettari di terreno. Presente anche Saro Gugliotta di Slow Food. Tutte le fasi, fino al raccolto, verranno seguite dai tre professionisti messinesi e il grano prodotto verrà utilizzato per le loro preparazioni di panificazione, cucina e pasticceria.

Sono stati seminate alcune varietà di grano duro, Perciasacchi, Senatore Cappelli, Bufala Nera e Russello, ed il grano tenero Maiorca. I terreni sono stati ripuliti, spietrati e resi nuovamente adatti per la semina che non avveniva da oltre quarant’anni. I tre Ambasciatori del Gusto, hanno presieduto alcuni lavori di semina durante un coinvolgente incontro sia con gli anziani che con i bambini della zona.

Leggi anche:  Ospedali e sanità dei Nebrodi, a settembre nuovo vertice a Roma