Al Marina di Capo d’Orlando installato lo speciale cestino anti plastica


IBL Banca adotta il Seabin di LifeGate PlasticLess®, lo speciale cestino galleggiante in grado di filtrare e raccogliere rifiuti dal mare, installato sulla banchina del Porto turistico di Capo d’Orlando

L’iniziativa accompagna la nascita di ControCorrente, il nuovo conto corrente remunerato di IBL Banca, e si inserisce in un progetto più ampio di sensibilizzazione del pubblico, tramite i canali online della banca, sul tema dell’inquinamento delle acque e sulla necessità di intervenire su un fenomeno che mette a repentaglio la salute dei nostri mari.

All’interno della Marina, il Seabin “adottato” da IBL Banca è immerso nell’acqua con la parte superiore al livello della superficie, in un punto di accumulo dove venti e correnti tendono a far convergere i rifiuti galleggianti. Grazie alla pompa collegata alla corrente il dispositivo è in grado di funzionare 24/7, trattando circa 25 mila litri di acqua all’ora e catturando molti più detriti al suo interno – comprese microplastiche e microfibre – di quanto potrebbe fare una persona dotata di una rete per la raccolta. 

La Marina di Capo d’Orlando, inaugurata nel 2017, si trova nella località San Gregorio, antico borgo di pescatori a est di Capo d’Orlando, con alle spalle la vasta area protetta del Parco dei Nebrodi e di fronte alle Isole Eolie. Realizzata in partenariato pubblico-privato, ha una capienza di circa 550 imbarcazioni.

Quest’anno, dopo soli quattro anni di attività, la Marina è stata il primo e unico porto in Sicilia ad essere insignito della Bandiera Blu Approdi Turistici per il 2021, prestigioso riconoscimento assegnato dalla Ong internazionale Fee (Foundation for Environmental Education) sulla base di una molteplicità di criteri, quali la partecipazione attiva a iniziative di sensibilizzazione alle tematiche ambientali, il corretto stoccaggio e smaltimento dei rifiuti e, appunto, la qualità e la gestione delle acque. 

Viene stimato che grazie al Seabin sponsorizzato da IBL Banca sarà possibile filtrare dal mare in un anno circa 500 kg di rifiuti galleggianti equivalenti in peso a 30 mila bottigliette da mezzo litro, 100 mila sacchetti e 250 mila cannucce di plastica. 

“Siamo tutti chiamati a un maggior impegno per l’ambiente. Con l’adesione a LifeGate PlasticLess® intendiamo contribuire alla tutela del mare, un bene prezioso per il nostro Paese. Dopo Villasimius, in Sardegna, siamo felici di fare ora tappa in Sicilia adottando il Seabin nel porto turistico a Capo d’Orlando. Anche con il nostro conto ControCorrente abbiamo dedicato spazi al tema della sostenibilità, utilizzando il sito per sensibilizzare e condividere storie e idee, per essere insieme più consapevoli e partecipi.” ha spiegato Simone Lancioni, Responsabile Marketing di IBL Banca. 

“Vogliamo ringraziare IBL Banca per aver scelto di essere parte attiva del cambiamento attraverso l’adesione a LifeGate PlasticLess® – il commento di Enea Roveda, CEO di LifeGate – l’obiettivo è quello di continuare questo percorso per aumentare la presenza dei dispositivi in tutto il territorio nazionale e nel resto di Europa, ridurre i rifiuti plastici presenti nelle acque e creare maggiore consapevolezza su un’emergenza ambientale che necessita di misure mirate e urgenti”.

“In passato, l’uso di tecnologie avanzate per la tutela dell’ambiente e degli ecosistemi era una scelta discrezionale degli operatori e, in particolare, dei porti turistici”, ha osservato Fabio Filocamo, Presidente del C.d.A. di Porto Turistico di Capo d’Orlando S.p.A. “Oggi è un dovere che ognuno si pone per contribuire al rispetto dell’ambiente e delle aspettative della comunità. Per questo motivo, siamo orgogliosi della collaborazione al progetto LifeGate PlasticLess® sostenuto da IBL Banca, a cui ci legano gli stessi valori e obiettivi”.

“Il Seabin è un importante alleato, silenzioso e per nulla invasivo, nella lotta all’inquinamento e nella tutela dell’ambiente, ha dichiarato Enza Di Raimondo, Direttore del Porto – Le iniziative di sensibilizzazione alle tematiche ambientali che ci hanno visto promotori hanno coinvolto scuole, cittadini, associazioni locali e hanno portato il Porto turistico di Capo d’Orlando a fregiarsi per il 2021 del riconoscimento internazionale Bandiera Blu – Approdi turistici. Ringraziamo quindi LifeGate PlasticLess® e IBL Banca per il contributo a difesa delle nostre acque”.

Con ControCorrente, IBL Banca propone un conto corrente completo ed evoluto, che prevede un tasso di interesse lordo fino allo 0,30% sulla liquidità e la possibilità di ottenere remunerazioni più elevate tramite delle opzioni di time deposit. Il conto ControCorrente è attivabile online sul sito dedicato (controcorrente.it), oltre che presso le filiali di IBL Banca.

In Sicilia, IBL Banca è presente con la sua rete di filiali e agenzie a Palermo, Catania, Messina, Siracusa, Caltanisetta, Enna, Ragusa, Agrigento, Trapani, Marsala, Bagheria, Lentini, Mazara del Vallo, Sciacca. IBL Banca è presente su tutto il territorio nazionale con 54 filiali e una rete indiretta di partner che comprendono network bancari, mediatori creditizi, intermediari finanziari e agenti. 

Nasce nel 1927 con il nome di Istituto Nazionale di Credito agli Impiegati, si trasforma in banca nel 2004 ed in gruppo bancario nel 2008.  Specializzato nei finanziamenti tramite cessione del quinto, il Gruppo è leader di mercato con una quota stimata del 17%. Nel tempo ha ampliato la sua offerta anche con prodotti di raccolta e assicurativi. 

Oggi il Gruppo conta quasi 800 dipendenti, e la capogruppo IBL Banca ha chiuso il 2020 con un utile di 42,7 milioni di euro e indici di solidità patrimoniale ampiamente superiori ai livelli richiesti dalla BCE con il CET1 al 16% ed il Total Capital Ratio al 17,5%. 

Dalla stessa categoria