“Castell’Umberto nel degrado”, la denuncia della minoranza


Il gruppo di minoranza al Comune di Castell’Umberto, CondiVivi Castell’Umberto, composto dai consiglieri Veronica Armeli (capogruppo), Federica Monastra, Massimo Chianetta e Valentina Tascone, denunciano lo stato di degrado e abbandono in cui versa il piccolo centro dei Nebrodi. Gli esponenti dell’opposizione da diversi mesi segnalano con foto e video, pubblicate nella pagina facebook del gruppo, le condizioni del Comune e chiedono all’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vincenzo Lionetto Civa, di intervenire tempestivamente per ripristinare il decoro urbano e non solo.

I consiglieri Veronica Armeli (capogruppo), Federica Monastra, Massimo Chianetta e Valentina Tascone

Ormai da tempo, nella qualità di Consiglieri del Gruppo di Opposizione, denunciamo, attraverso molteplici canali, il degrado in cui versa il nostro amato paese. Da qualche settimana, inoltre, stiamo realizzando un reportage composto da immagini e video che periodicamente pubblichiamo sulla nostra pagina fb e che, purtroppo, attestano inequivocabilmente, lo stato di abbandono caratterizzante Castell’Umberto.

Risultato, a ben vedere, di una tanto pessima quanto inadeguata gestione della res publica! Quella di Lionetto, infatti, è, a nostro dire (e non solo!), la peggiore Amministrazione che questo Comune ricordi… A riprova di ciò, appunto, la scarsa pulizia, la non valorizzazione, l’assenza totale di interesse verso il bene collettivo ovvero verso il nostro Castell’Umberto.

A chi dovesse provare ad addurre improbabili giustificazioni legate al Covid-19, rispondiamo che la situazione di trascuratezza era già stata sollevata dagli scriventi in tempi antecedenti la pandemia e che, comunque, falciare l’erba, pulire e riordinare il territorio non incidono sulla diffusione del virus…Anzi…

Per quel che concerne, poi, l’altro aspetto scarsamente considerato ovvero quello della vita sociale…Beh…La situazione è drammatica! Le strutture pubbliche sono quasi tutte chiuse o, in concreto, abbandonate (come ampiamente documentato da video ed immagini!) né si lavora per creare alternative di svago, soprattutto, per i giovani. Eppure, a seguito del disagio causato dalla pandemia, questa dovrebbe essere una priorità. Siamo ben consapevoli che la situazione finanziaria del Comune, come già ribadito nelle sedi ufficiali, non sia tra le più rosee, diretta conseguenza, a personale parere, anche dei tanti mutui contratti dall’odierna Amministrazione, ma non è giusto che, per gli errori di pochi, i nostri figli paghino un prezzo così alto.

Ci chiediamo, peraltro, come sia possibile che, a differenza dei paesi limitrofi, in cui si organizzino serate ormai da settimane, nel nostro paese l’unico rumore ASSORDANTE sia quello del SILENZIO. I cittadini sono stanchi di subire gli effetti del disinteresse di chi “dovrebbe” governare! Dal canto nostro, continueremo imperterriti ad evidenziare le numerose lacune dell’attuale Amministrazione, rivolgendoci, di volta in volta, alle competenti Istituzioni allo scopo di SALVARE Castell’Umberto dal “colpo di grazia” che Lionetto ed i suoi sembrano intenzionati a dargli”.

Dalla stessa categoria