La Corte d’Appello della FIGC ha accolto il ricorso presentato contro la sanzione di 3 mila euro e la diffida del campo per i ben noti accadimenti di Città di S.Agata – Licata, rideterminando e riducendo la sanzione e revocato la diffida allo stadio “Fresina”. La sanzione è stata rideterminata a 2 mila euro.

“Siamo soddisfatti per l’annullamento della diffida e la rideterminazione della sanzione ottenuta grazie all’ottimo lavoro svolto dall’Avv. Alfio Pappalardo che ringraziamo di cuore” – si legge in una nota della società.

Leggi anche:  Città di Sant'Agata, Meli: "Ultimi risultati non in linea con nostre aspettative"