L’Italia verrà suddivisa in 3 aree con misure restrittive differenziate a seconda degli scenari di rischio. Prevista poi in tutto il Paese la chiusura dei centri commerciali nei fine settimana, la didattica a distanza per le scuole superiori, la chiusura dei musei, la riduzione fino al 50% della capienza dei mezzi di trasporto pubblico.

E ancora, previsto un limite agli spostamenti da e per le Regioni che presentano elevati coefficienti di rischio, tranne che per motivi di lavoro, salute e necessità. Limitata la circolazione delle persone “in tarda serata”. L’inserimento di una Regione in una delle 3 aree di rischio individuate avverrà con un’ordinanza del ministro della Salute.

Queste le principali misure del nuovo Dpcm anticipate dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante l’informativa di questa mattina in aula alla Camera.

Dopo il lungo braccio di ferro durato per tutto il week end, sembra quindi essere passata la linea del Governo che – a differenza delle Regioni che chiedevano le stesse misure su tutto il territorio nazionale – prevede restrizioni diverse e mirate a seconda dei differenti scenari, facendo particolare attenzione in particolare alla circolazione del virus ed ala tenuta dei servizi sanitari nei diversi territori.

“Già sabato i dati del monitoraggio settimanale hanno fatto prefigurare nuovo corpus di misure restrittive da dover adottare prima del prossimo 4 novembre. Da qui l’anticipazione delle mie comunicazioni oggi in Parlamento”, ha spiegato il premier.

Leggi anche:  Covid in Sicilia: 1.294 i nuovi contagiati e 34 decessi

“Il quadro epidemiologico è in via di transizione verso lo scenario 4 con particolare riferimento ad alcuni territori. L’indice Rt nazionale è a 1,7 ma in alcune regioni ovviamente il dato è superiore. Esiste un’altra probabilità che 15 regioni superino le soglie critiche nelle aree delle terapie intensive e delle aree mediche nel prossimo mese”, ha aggiunto.

Poi, rivolgendosi all’opposizione: “Ho prospettato ai leader delle opposizione un tavolo di confronto con il governo, ma al momento questa proposta è stata rifiutata. Se ci fossero ripensamenti posso confermare che la proposta del governo permane immutata e non sottende una confusione di ruoli o sovrapposizione di responsabilità: il governo è consapevole della piena responsabilità di ogni sua decisione”, ha concluso Conte.