Coppa Italia Eccellenza, RoccAcquedolcese battuto dall’Igea


Prima sconfitta stagionale per il RoccAcquedolcese. I bianco-verde-azzurri, dopo un pareggio e una vittoria nel turno precedente di Coppa Italia, e due vittorie e un pareggio nelle prime tre partite di campionato, vengono sconfitti dalla Nuova Igea Virtus (2-0) nella gara di andata dell’ottavo di finale di Coppa Italia Eccellenza. Fortunatamente la sconfitta arriva nella competizione meno importante, contro una squadra forte e con una gara di ritorno ancora da giocare, in programma il 12 ottobre.

Risultato comunque bugiardo, perché sono gli ospiti a sfiorare due volte il vantaggio che non si concretizza in maniera rocambolesca, mentre alla prima vera occasione sono i padroni di casa a passare in vantaggio con un bel gol di De Gaetano bravo ad inserirsi in area di rigore fra tre avversari e a calciare di precisione sul palo lontano.Si va al riposo con l’Igea in vantaggio, ma appena rientrati in campo per il secondo tempo, Caracò avrebbe sui piedi la palla del pareggio. Da pochi metri, defilato sulla destra, calcia verso la porta avversaria con la palla sbatte sullo stinco di un difensore a un metro dalla linea di porta. Nove volte su dieci si infila in rete, questa volta finisce ‘casualmente’ tra le mani del portiere. La partita rimane equilibrata, con il Roccacquedolcese che dà l’impressione di poterla pareggiare, invece da un rimbalzo strano, nasce il raddoppio dei ragazzi di mister Ferrara, con Isgro’ lesto ad approfittare e a rubare palla a Carroccio servendo un perfetto assist al nuovo arrivato Flores che da due passi non può sbagliare.

A questo punto mister Palmeri inserisce tutte le forze possibili in attacco (saranno 5 contemporaneamente), nel tentativo di riaprire la partita e ci va vicino, quando Cangemi salta due difensori e si avvia verso la porta avversaria, ma viene ‘placcato’ e finisce a terra appena dentro l’area di rigore. L’arbitro mette il fischietto in bocca, ma se ne pente. Dopo questo episodio, i giallorossi legittimano la vittoria con un paio di ripartenze che potrebbero chiudere definitivamente la qualificazione, ma gli avanti non concretizzano, lasciando una minima speranza di rimonta nella partita di ritorno.

Contro una squadra costruita per la vittoria finale, con ottimi giocatori in ogni reparto, solo da assemblare bene (in questo mister Ferrara è maestro), il RoccAcquedolcese ancora una volta ha dimostrato di non avere nessun timore reverenziale. Nonostante Conti squalificato, Scolaro a casa con la febbre, Carroccio, Yasin Mazouf e Cangemi in panchina e tre juniores titolari (che non hanno sfigurato), i ragazzi di mister Palmeri hanno tenuto benissimo il campo dimostrando di essere difficili da affrontare per chiunque.

Domenica di nuovo in campo, al Fresina di S. Agata, contro l’Igea per la gara valevole per la quarta giornata di campionato. Sarà partita vera, con i giallorossi naturalmente favoriti, ma con capitan Zingales e compagni, pronti a vendere cara la pelle.

Dalla stessa categoria