“Ringrazio la minoranza che ha presentato la mozione di sfiducia, è sempre un importante quando si esercita la democrazia, ma le accuse che mi rivolgono sono campate in aria, si tratta di una speculazione politica”. 

Così il sindaco di Militello Rosmarino, Salvatore Riotta, commenta a Nebrodi News, il voto del Consiglio comunale che ha rigettato la mozione di sfiducia, presentata dal gruppo di minoranza Militello Migliore.

“Ha prevalso la democrazia – prosegue Riotta – ed è stato confermato con il voto che la coalizione che vinto le elezioni nel 2018, sull’onda del cambiamento, sta lavorando nella massima trasparenza, per non far morire il nostro paese, un paese che abbiamo trovato allo sfascio. Ieri si è capito che chi alza questi polveroni è solo uno sparuto gruppo”.

E sulle accuse di non aver partecipato ai bandi, il primo cittadino replica: “Sono tutte cavolate. Abbiamo partecipato ai bandi. Le dico solo che abbiamo ufficio tecnico oberato da 12 ricorsi. Noi lavoriamo alla luce del sole e nell’interesse dei cittadini che hanno creduto in me e nel nostro progetto di cambiamento. Approfondirò il tema del dissesto, che è stata una decisione sofferta della mia Giunta, e causata, non da noi, ma dalle vecchie amministrazioni. La mia amministrazione non ha un euro di debiti”.