Sale il numero dei positivi a Mistretta che fino ad oggi, in questa ultima ondata di contagi che aveva interessato i Nebrodi, aveva fatto registrare un solo caso, oltretutto asintomatico.

Da uno i positivi salgono a cinque. Il risultato viene fuori dal processo dei tamponi rino-faringei di riscontro effettuati su familiari del positivo numero 1. La situazione, almeno per ora, sembra essere sotto controllo e confinata ad un solo nucleo familiare i cui componenti si trovano in quarantena, presso la propria abitazione, dalla scorsa domenica.

Relativamente alla raccolta rifiuti, per chi è in isolamento domiciliare, perché risultato positivo al coronavirus, informiamo che l’Istituto superiore di sanità ha realizzato una guida pratica per eliminare i rifiuti in questo periodo di emergenza sanitaria che richiede nuove regole.

In quarantena obbligatoria, per esempio, i rifiuti non devono essere differenziati, vanno chiusi con due o tre sacchetti resistenti. Un giorno alla settimana l’Asp provvederà al ritiro del materiale considerato rifiuto speciale. Se invece non si è positivi, la raccolta differenziata può continuare come sempre, usando però l’accortezza, se si è raffreddati, di smaltire i fazzoletti di carta nella raccolta indifferenziata.

L’utilizzo delle mascherine è considerato fondamentale per evitare i contagi a partire da soggetti asintomatici. Tra cui potrebbero esserci anche i bambini. Lo ribadisce l’Asp 5 di Messina a seguito di uno studio pratico e dai riscontri che arrivano dai Dipartimenti di Prevenzione. 

Leggi anche:  Emergenza Covid, calo dei positivi sui Nebrodi occidentali

Non è uno scudo che, al di là dei comportamenti individuali, garantisce l’«immunità» dal virus. Ma alla luce delle caratteristiche di Sars-CoV-2, tanto maggiore è l’uso che si fa delle mascherine quanto minore sarebbe la probabilità di ammalarsi di Covid 19.