“Confermo che il corpo della donna è di Viviana Parisi. Stiamo ancora cercando il bambino”. Lo afferma il procuratore capo della Procura di Patti, Angelo Cavallo, sul posto in cui è stato rinvenuto oggi il cadavere della donna scomparsa il 3 agosto scorso con il figlio di 4 anni, Giole. 

“Posso dire che la signora – prosegue Cavallo – è sicuramente lei, l’abbiamo riconosciuta dalla fede, dalle scarpe e da una catenina. Sicuramente è la signora Parisi. Per il bambino le ricerche sono tuttora in corso e ancora non lo abbiamo rintracciato”.

Dopo il rinvenimento del cadavere di Viviana Parisi nelle campagne di Caronia, ribadisce il procuratore di Patti: “Le ricerche continuano, avevamo già preventivato la difficoltà delle ricerche, quindi faccio presente che siamo ad oltre un chilometro e mezzo dal posto dove è stata vista l’ultima volta la signora. Viviana Parisi sembra sia morta da diversi giorni, ma chiaramente questo lo dirà l’autopsia, gli esami medico legali ci diranno anche questo”.

Non è da escludere che la donna in stato confusionale dopo l’incedente, abbia raggiunto la località in cui è stata rinvenuta cadavere, forse per una caduta accidentale e, sia potuta morire il giorno stesso della sua scomparsa. Alla domanda se sul cadavere fossero stati trovati segni di violenza il procuratore Cavallo glissa: “Preferisco non rispondere. Mancano quei venti minuti, dobbiamo capire cosa ha fatto la signora a Sant’Agata Militello.

“Possiamo dire con ragionevole certezza che il corpo appartiene alla signor Viviana”” ha concluso Cavallo.

Leggi anche:  Lite a Santo Stefano di Camastra, 48enne in gravi condizioni

CLICCA PER GUARDARE IL VIDEO