Prende corpo l’ipotesi dell’omicidio per la morte di Salvatore Blasco, allevatore 55enne di Nicosia. Il corpo dell’uomo è stato ritrovato mercoledì mattina dai famigliari in contrada Sperone e dai primi accertamenti del medico legale sembra che l’uomo non sia morto per cause naturali.

Gli accertamenti continueranno nei prossimi giorni e solo al termine di tutte le analisi sarà possibile stabilire con certezza la causa del decesso. Le indagini sono condotte dal pm Salvatore Interlandi, della procura di Enna, dalla squadra mobile e dal commissariato di Nicosia.

Secondo una prima ipotesi l’allevatore potrebbe essere stato ucciso in una delle sue proprietà mentre stava dando da mangiare ad alcuni animali. La polizia ha ascoltato i componenti della famiglia e i vicini confinanti, mentre i sopralluoghi della Scientifica hanno portato al rinvenimento del cellulare della vittima poco distante dal luogo in cui è stato ritrovato il cadavere. L’apparecchio sarà analizzato dagli esperti della Procura.

Leggi anche:  Emergenza Covid a Longi, sindaco chiede la "zona rossa"